Gestionale

Imu e Tasi, guida alle scadenze con lo speciale del Sole 24 Ore

E.T.

Una bussola indispensabile per risolvere i dubbi, evitare errori e rimediare quelli eventualmente commessi nel corso di questo tormentatissimo 2014

Doppio appuntamento entro il 16 dicembre per le imposte sugli immobili. Entro tale data, infatti, vanno versati i saldi dell'Imu e della Tasi, una sorta di "tax day". Tuttavia, nonostante il bene tassato sia lo stesso, i contribuenti sono chiamati a fare calcoli differenti. Per aiutare i contribuenti a districarsi tra i due pagamenti e capire quanto e come pagare le scadenze fiscali di fine anno sulla casa, Il Sole 24 Ore pubblica mercoledì 3 dicembre lo Speciale «Come pagare l'Imu e la Tasi».

Una bussola indispensabile che consente di risolvere le numerose perplessità, di evitare errori e di rimediare quelli commessi nel corso di questo tormentatissimo 2014, passando in rassegna tutte le questioni relative al pagamento Tasi e Imu: le modalità di calcolo dell'importo da versare per ognuna, le informazioni sulle regole particolari che si applicano in relazione alla tipologia di immobile (terreni, abitazione principale, secondaria, d'azienda) e se si è proprietari, in affitto o in comodato. Il tutto con esempi di compilazione dei modelli.

Sono potenzialmente coinvolti nel saldo Tasi 2014 i contribuenti che hanno pagato l'acconto entro il termine ordinario del 16 giugno 2014 (vale per circa 2.200 comuni) e quelli che hanno pagato l'acconto "ritardato" entro il 16 ottobre 2014 (circa 5.200 comuni). Devono inoltre passare alla cassa i contribuenti con immobili situati nei comuni (circa 650 comuni) che non hanno inviato le delibere alle Finanze entro il 10 settembre 2014, termine "speciale" rispetto a quello del 30 settembre previsto per l'adozione del bilancio di previsione e delle altre delibere tributarie (Imu, Tari, eccetera).


© RIPRODUZIONE RISERVATA