Gestionale

Da Giunta piano triennale edilizia da 50 milioni

Migliorare l'utilizzo del patrimonio immobiliare esistente per un minor consumo del suolo non urbano, investimenti nelle aree a tensione abitativa elevata, recupero energetico degli edifici
esistenti, cantierabilità e speditezza degli interventi, facilitazioni del mercato finanziario.
Sono questi - illustra una nota - gli obiettivi della proposta del Piano di edilizia residenziale 2014-2016 che la giunta regionale marchigiana ha inviato all'Assemblea legislativa per l'adozione.
La programmazione del prossimo triennio può contare su una disponibilità stimata di 50 milioni di euro: risorse che proverranno dalle economie degli anni pregressi e dal reinvestimento delle vendite di una quota del patrimonio immobiliare Erp (Edilizia residenziale pubblica), composto da
15 mila abitazioni distribuite su tutto il territorio regionale, di cui 4 mila sono di proprietà delle amministrazioni comunali.
«La normativa regionale di settore, con l'avvenuta istituzione dell'Ente regionale unico per l'abitazione pubblica delle Marche (Erap), ha previsto un'unica regia per programmare le politiche abitative«, evidenzia il vicepresidente e assessore all'Edilizia Pubblica, Antonio Canzian. «Una scelta - prosegue - che si é rilevata lungimirante, specie in questo momento di eccezionale
difficoltà per la finanza pubblica e per il comparto edilizio. La Regione può quindi pianificare tutti i fondi disponibili, superando le logiche locali, ma con una visione d'insieme che abbraccia tutte le criticità evidenziate, in particolare nelle aree a maggiore tensione abitativa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA