Gestionale

Nuova Sabatini, prima adesione di una banca al plafond Cdp di 2,5 miliardi

M.Fr.

Cdp comunica che è stata perfezionata la prima adesione al Plafond "Beni Strumentali", con l'adesione del Banco popolare. Intanto è stato reso disponibile il modulo on line per le richieste a partire dal 31 marzo

È il gruppo Banco Popolare la prima banca ad aver tagliato il traguardo dell'adesione al plafond "beni strumentali" da 2,5 miliardi messi a disposizione da Cassa depositi e prestiti per sostenere le imprese nel rinnovamento delle attrezzature in sincronia con le agevolazioni della cosiddetta Nuova Sabatini. Il Gruppo conta 2.000 sportelli e circa 200mila soci. È presente in tutte le regioni d'Italia ma è radicato in modo particolare in Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana ed Emilia Romagna.

«A un mese dalla firma della Convenzione Mise-Abi-Cdp che disciplina il Plafond "Beni Strumentali" - sottolinea una nota di Cassa depositi e prestiti - risulta dunque pienamente attiva la linea di provvista di 2,5 miliardi di euro sulla quale le Pmi, a partire dal prossimo 31 marzo, potranno richiedere finanziamenti agli Istituti aderenti, affiancati da una contribuzione pubblica, erogata direttamente dal Ministero dello sviluppo economico».

Nei gironi scorsi il ministero di Via Veneto ha reso disponibile il modulo telematico che le imprese devono compilare e trasmettere per ottenere l'agevolazione. «La domanda, a pena di invalidità - spiega il Mise - deve essere compilata utilizzando esclusivamente tale modulo ed inviata a mezzo posta elettronica certificata agli indirizzi di Pec delle banche e degli intermediari finanziari aderenti alla convenzione tra Ministero dello sviluppo economico, Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) e Associazione Bancaria Italiana (Abi) a partire dalle ore 9 del 31 marzo 2014.

La casella di posta elettronica indicata dal Gruppo Banco Popolare è : nuova.sabatini@pec.bancopopolare.it

Scarica il modulo telematico da inviare a cura dell'impresa (link )

Scarica il comunicato di Cdp sull'adesione del Gruppo Banco Popolare (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA