Gestionale

Roma, Marino: «Allagamenti anche per edilizia spontanea»

«Quello che é accaduto a Roma può succedere ovunque se c'é edilizia spontanea a cui segue una cementificazione dei canali delle acque. Questo determina dissesto idrogeologico, non ci vuole un grande scienziato«. Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in occasione di un
sopralluogo nelle zone alluvionate di Prima Porta, a nord della Capitale, duramente colpite dal maltempo.
«Se si interrompe lo scorrimento delle acque con edilizia disordinata e spontanea e non organizzata é evidente che si creano situazioni di pericolo- ha aggiunto Marino- nessuno può
correggere istantaneamente ciò che é stato fatto per 40 anni, non solo a Roma ma in tutto il resto del paese. Quello che dobbiamo fare é garantire la nostra presenza e il nostro soccorso a chi ne ha bisogno: in questo momento stanno lavorando le idrovore con la protezione civile e tutti gli sforzi che devono essere fatti saranno fatti».
«A Roma- ha concluso il primo cittadino- stiamo agendo proibendo altre edificazioni di questo tipo ma di sicuro né il sindaco né il presidente della Repubblica possono correggere
tutto in una settimana».


© RIPRODUZIONE RISERVATA