Gestionale

Europa vara 23 nuovi progetti, uno torinese

Saranno 23 i progetti dimostrativi europei sul fronte delle rinnovabili, altamente innovativi, che
saranno finanziati con 1,2 miliardi di euro dall'Ue. Una volta in moto, produrranno 10 TWh di energia verde in Europa, cioé quanto il consumo annuale di carburante di oltre un milione di
auto. Uno il vincitore italiano di questo primo bando del programma Ner300, che incassa un cofinanziamento di 28,4 milioni di euro: si chiama Best e prevede la costruzione di un impianto
dimostrativo di biocarburanti di seconda generazione a Crescentino, in provincia di Torino. I soldi del programma Ner300 sono quelli che arrivano dai proventi del mercato europeo delle emissioni di carbonio (Ets), quindi dagli impianti inquinanti. «Il programma Ner300 è una sorta di meccanismo di Robin Hood - ha detto Connie Hedegaard, commissario Ue al clima - che fa pagare a chi inquina progetti dimostrativi sulle tecnologie a basso contenuto di carbonio». Nulla di fatto però per i progetti dimostrativi sulla cattura e lo stoccaggio del carbonio (Ccs), che non hanno fatto in tempo a fornire i requisiti necessari alla prima selezione. I 275 milioni di euro previsti per loro sono quindi rinviati al secondo bando, che arriverà «al più presto possibile» ha assicurato Hedegaard, fiduciosa che gli Stati membri che devono fare da 'sponsor' saranno pronti all'inizio del 2013. Tre i Paesi con progetti Ccs con maggiori possibilità per l'anno prossimo: Gran Bretagna, Olanda e Romania.


© RIPRODUZIONE RISERVATA