Gestionale

Domani al via indagine antidumping Ue contro Cina

Nonostante l'opposizione della cancelliera tedesca Angela Merkel, la Commissione Ue lancerà
domani un'indagine anti-dumping contro i produttori cinesi di pannelli solari, che pone le premesse per una «guerra» del fotovoltaico tra Ue e Cina.
In occasione della sua recente missione in Cina, Merkel aveva infatti stigmatizzato la procedura antidumping avviata recentemente da alcune industrie del solare europeo contro la concorrenza cinese. «Suggerisco alla Commissione Ue e Cina di cercare di risolvere il problema attraverso il dialogo e non ricorrendo a procedure di antidumping» aveva dichiarato il cancelliere tedesco.
A luglio la tedesca SolarWorld e altri produttori europei di pannelli solari hanno presentato un reclamo per ottenere dazi sull'importazione di pannelli solari di fabbricazione cinese, sulla scia di quanto strappato a maggio dall'industria solare americana.
Nel 2011 le esportazioni cinesi di prodotti solari sono state pari a 35,8 miliardi di dollari, di cui oltre il 60% dirette verso i paesi dell'Unione Europea. Grazie a prezzi molto bassi, l'export cinese ha ridotto fatturati e margini dei produttori comunitari. La battaglia si annuncia senza esclusione di colpi: nei giorni scorsi quattro aziende cinesi hanno accusato ufficialmente di dumping i produttori europei di celle solari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA