Città e Urbanistica

Ifi: giusto il richiamo Ue sul registro, limitare gli obblighi

«Giusto il richiamo della Ue sul Conto Energia». Così l'Ifi, Comitato Industrie fotovoltaiche italiane, commenta la lettera di richiamo all'Italia inviata dall'Unione Europea in cui si evidenzia il rischio che il meccanismo del registro possa aumentare l'onere burocratico per gli operatori di mercato e diminuire la sicurezza degli investitori sulla possibilità di ottenere sostegno finanziario
per i loro progetti.

Per l'Ifi è necessaria una revisione del meccanismo del registro con l'obiettivo ultimo di abbassare oneri e complessità burocratiche senza andare a favorire gli effetti speculativi che si sono innescati negli ultimi anni. Tre le proposte: limitare l'introduzione del meccanismo del registro agli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 200 KWp; non applicare il meccanismo del registro per impianti fotovoltaici realizzati da enti pubblici ; non applicare il meccanismo del registro per gli impianti fotovoltaici realizzati su edifici industriali la cui produzione di energia venga completamente auto consumata dall'attività asservita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA