Gestionale

Pagamenti, con l'intesa Sace-Ance factoring agevolato per le imprese edili lombarde

Al. Tr.

Le imprese potranno richiedere direttamente agli sportelli di Poste Italiane lo smobilizzo dei crediti certificati dalle Pubbliche amministrazioni

Crediti verso la Pa e pagamenti, per le imprese lombarde in arrivo una boccata d'ossigeno. L'accordo appena firmato da Sace Fct - società di factoring del Gruppo Sace - e Ance Lombardia consentirà infatti alle aziende associate di accedere ai servizi di factoring di Sace a condizioni agevolate, attraverso un servizio di consulenza personalizzato che consentirà alle imprese di identificare i prodotti più adatti alle loro esigenze.
Grazie all'intesa, le pmi associate potranno inoltre accedere a condizioni vantaggiose a «Reverse Factoring Pa», lo strumento sviluppato da Sace Fct in collaborazione con PosteItaliane, che permette di richiedere direttamente agli sportelli PosteImpresa l'attivazione del rapporto di factoring e lo smobilizzo dei crediti certificati dalle Pubbliche Amministrazioni convenzionate.
«L'accordo di oggi rappresenta per Sace Fct un altro importante risultato a sostegno del sistema economico italiano e rafforza il nostro impegno in un settore, come quello delle costruzioni, che risente particolarmente dell'attuale congiuntura economica - ha spiegato Franco Pagliardi, Direttore Generale di Sace Fct -. La partnership con una realtà come ANCE Lombardia consolida la nostra vicinanza al tessuto imprenditoriale locale e conferma il nostro impegno in una regione dove abbiamo all'attivo altri importanti accordi per lo smobilizzo dei crediti verso la Pa».
«In un momento di grande difficoltà del mercato, sia pubblico che privato, questa iniziativa mira a fornire, quantomeno per l'ambito pubblico, uno strumento che consenta alle imprese, seppur a fronte di qualche rinuncia da parte loro, che vantano crediti nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, di tirare il fiato» ha commentato Gianluigi Coghi, Coordinatore del Centro Studi di Ance Lombardia, spiegando che «si tratta di un'iniziativa che, insieme alle altre avviate a livello nazionale e provinciale in tema di cessione di crediti, ci auguriamo possa sostenere l'attività delle imprese associate ad Ance per uscire dalla crisi in cui versa il settore ormai da quattro anni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA