Gestionale

Camera: «Il Governo elimini burocrazia, green economy è centrale per lo sviluppo»

Approvato dalla commissione Ambiente il documento conclusivo dell'indagine conoscitiva sulla produzione di energia da fonti rinnovabili. L'indagine, durata più di un anno, ha esaminato tutti gli aspetti connessi alle energie rinnovabili, con particolare riferimento a quelli ambientali, ed ha coinvolto associazioni, enti, operatori, studiosi, istituti di ricerca che quotidianamente si confrontano con le problematiche del settore. Ne dà notizia il deputato del Pd Salvatore Margiotta, Vicepresidente della Commissione e relatore del documento.
«A conclusione dell'indagine - sostiene Margiotta - è stato possibile ribadire la centralità della green economy quale modello di sviluppo del paese che recentemente ha individuato nella crescita verde uno dei fondamentali percorsi della propria politica economica. In tale quadro lo sviluppo delle rinnovabili non solo contribuisce in modo insostituibile agli obiettivi di riduzione dell'inquinamento e di abbattimento delle emissioni di CO2, ma diventa perno dell'economia dell'Unione Europea. In tale ottica la Commissione ha evidenziato alcune forti criticità degli schemi di decreto relativi al Quinto conto energia, anche in relazione a taluni ingiustificati appesantimenti burocratici, e ritiene che in sede di definitiva approvazione vada fatto uno sforzo ben maggiore per tutelare e salvaguardare la filiera industriale italiana delle rinnovabili, che va consolidandosi sempre di più e che in molti casi ha assunto posizioni di assoluto rilievo nel mercato nazionale e internazionale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA