Casa Fisco Immobiliare

In Sardegna 32mila famiglie in più nei prossimi 10 anni

Nei prossimi dieci anni in Sardegna ci saranno circa 32mila famiglie in più con un incremento, tra nuclei di nuova composizione e estinzione di quelli esistenti, di 3mila nuove famiglie ogni anno. Quelle di nuova composizione saranno soprattutto famiglie appartenenti alle fasce di reddito piu' deboli con un reddito inferiore ai 18mila euro annui netti che avranno grande difficolta' a trovare un alloggio. Questa proiezione, evidenziata da uno studio della Cna Sardegna sullo scenario abitativo dei prossimi 10 anni nell'isola, mette in evidenza ''la necessita' impellente che la Regione rilanci per tempo un adeguato programma di edilizia pubblica e convenzionata specialmente nelle principali aree urbane'', spiegano Francesco Porcu e Mauro Zanda, rispettivamente segretario regionale della Cna sarda e presidente della Cna Costruzioni, dove la tensione abitativa e le maggiori difficolta' di accesso al mercato edilizio rischiano di amplificare una crescente situazione di disagio abitativo.

In base allo studio della Cna (che tiene conto dei dati anagrafici e dell'ultimo censimento della popolazione), in Sardegna risiedono attualmente 771.494 famiglie (corrispondenti a 1,634 milioni abitanti). Oltre il 55% si localizza nelle province di Cagliari e Sassari e un altro 10% nella provincia di Olbia-Tempio. Solo nel 24% dei casi la persona di riferimento del nucleo familiare ha meno di 45 anni, una percentuale che sale al 27% in Gallura e scende a meno del 20% nell'Oristanese.

Si tratta di percentuali decisamente inferiori rispetto alle medie nazionali (intorno al 26%), a confermare la nota tendenza all'invecchiamento strutturale della popolazione regionale, particolarmente accentuato in alcune realta' locali, specialmente dell'entroterra. Nella provincia di Oristano, quasi il 41% delle famiglie fa riferimento a una persona con piu' di 64 anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA