Casa Fisco Immobiliare

Plafond Cdp per mutui casa, Lupi striglia le banche

Massimo Frontera

Incontro tecnico con Abi e Cdp convocato dal ministro per accelerare l'utilizzo della dote messa a disposizione da Cassa depositi e prestiti

I mutui casa con la provvista Cdp segnano il passo. E il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, principale sponsor della misura concordata con l'associazione delle banche e la Cassa depositi e prestiti, vuole capire perché le cose vanno così a rilento.

Ad oggi infatti, non solo non c'è stato alcun "tiraggio" dalla provvista di 2 miliardi messa a disposizione da Cdp, ma dopo che sono passati 4 mesi dalla stipula delle convenzione tra Abi e Cdp, sono pochissime le banche che hanno aderito formalmente e che si apprestano a chiedere i soldi e a riceverli da Cdp (nella prossima "finestra" utile del 5 aprile).

Più precisamente, in base alla comunicazione di Cdp - aggiornala al 17 marzo - la lista degli istituti aderenti conta 4 grandi operatori e 13 istituti del circuito del credito cooperativo (si veda la lista al link in fondo all'articolo). Siamo molto lontani dall'elenco di 20 banche che il 4 febbraio l'Abi annunciava come «aderenti e in corso di adesione». Mancano all'appello gruppi del calibro di IntesaSanpaolo, Ubi, Bnp-Bnl e tanti altri istituti di grossa e media dimensione.

Perché? È questa la domanda che il ministro ha girato alle controparti, che ha voluto convocare il 20 marzo. Il ministro vuole dare anche una risposta alla pioggia di mail di protesta che hanno inondato il suo blog e che ha «girato a CDP e all'ABI perché verifichino che cosa è successo e risolvano il problema».

«Il reclamo più ricorrente - fanno sapere fonti vicino al ministro Lupi - è che di fronte alle richieste del cliente, il personale allo sportello, ma anche il direttore della filiale, cade letteralmente dalle nuvole, ignorando che il proprio istituto, come dice l'Abi nel comunicato diffuso a febbraio, «ha aderito o sia in fase di adesione».

«L'incontro - fanno sapere sempre fonti delle Infrastrutture - è stato per ora di livello tecnico; non ha cioè coinvolto né il ministro Lupi, né i vertici di Abi e Cdp». Ma il titolare delle Infrastrutture ha capito che occorre dare una risposta convincente alle proteste per la mancata attuazione di questa misura.

Va avanti a pieno ritmo, invece, l'altra misura messa in campo da Cdp allo scopo di rilanciare il mercato dei mutui casa: cioè l'acquisto da parte della superbanca di Via Goito di covered bond e titoli frutto di cartolarizzazioni che hanno come sottostante mutui residenziali. Per questa opportunità Cdp ha già speso 735 milioni sulla disponibilità fissata a 3 miliardi (link all'articolo ). Scopo dell'iniziativa è di mettere a disposizione delle banche nuova liquidità da utilizzare per concedere nuovi mutui prima casa.

Scarica l'ultimo comunicato di Cdp con la lista delle banche aderenti alla convenzione "plafond casa" (link )

Scarica la lista dell'Abi del 4 febbraio scorso con le 20 banche aderenti (link )

Scarica il testo della convenzione Abi-Cdp sottoscritta il 20 novembre (testo aggiornato dopo l'integrazione del 18 dicembre) (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA