Casa Fisco Immobiliare

Mutuo casa con fondi Cdp, da Banca Sella il primo prodotto (con sconto sul Taeg fino all'1%)

Massimo Frontera

Banca Sella rende note le condizioni di "Plafond casa", il primo prodotto che arriva sul mercato, dopo la convenzione Abi-Cdp sui mutui casa agevolati

Ribassi sul Taeg tra lo 0,57% fino all'1,05%, con ribassi sullo spread tra l'1% e l'1,5 per cento. Si misura tra queste forchette l'agevolazione che Banca Sella ha definito per il suo mutuo «Plafond Casa», che è a tutt'oggi il primo prodotto che intende utilizzare la provvista di 2 miliardi messa a disposizione da Cdp (in base alla convenzione stipulata dalla stessa Cassa depositi con l'Abi il 20 novembre scorso). I numeri si ricavano dal foglio informativo approvato dalla banca di Biella lo scorso 13 febbraio, e diffuso a partire dal giorno successivo (foglio informativo che, peraltro, rivede al ribasso i numeri indicati nel primo prospetto diffuso dalla banca nei giorni immediatamente precedenti).

Dopo essere stata la prima banca a sottoscrivere la convenzione Abi-Cdp (il 31 gennaio scorso), Banca Sella conferma dunque il suo primato nella predisposizione del primo prodotto disponibile per la clientela. Ma la concorrenza non tarderà a farsi viva. L'attenzione va, per ora, alle altre tre banche che in questi giorni hanno concluso la procedura di adesione alla convenzione: Credito Valtellinese (7 febbraio); Banca di Credito Cooperativo di Riano (13 febbraio) e Cassa di Risparmio di Ravenna (14 febbraio), come si ricava dal comunicato di Cdp .

Ma ecco le caratteristiche del mutuo proposto da Banca Sella che si leggono sul foglio illustrativo (che si può scaricare dal sito dell'Istituto ).
Complessivamente, le offerte a disposizione del mutuatario sono sei, con una scelta tra tasso fisso e variabile sia per l'acquisto (prestito massimo 250mila euro), sia per la ristrutturazione (fino a 100mila euro), sia per entrambi (fino a 350mila euro). La durata massima è di 30 anni, salvo il prestito per la sola ristrutturazione (con accrescimento di efficienza energetica), che è di 10 anni. In tutti i casi il prestito può arrivare fino al 70% del valore dell'immobile.

Condizioni economiche del mutuo "Plafond Casa"
Ecco, di seguito i prospetto dei tassi (Taeg e tasso nominale) chiesti per le sei possibilità.
TASSO FISSO
Acquisto = Taeg 7,00% (6,5% nominale) - durata min. 15 anni e massima 30 anni - spread 3,50% su Irs
Ristrutturazione = Taeg 7,15% (6,5% nominale) - durata massima 10 anni - spread 3,00% su Irs
Acquisto e ristrutturazione = Taeg 7,00% (6,5% nominale) - durata min. 15 anni e massima 30 anni - spread 3,50 su Irs
TASSO VARIABILE
Acquisto = Taeg 3,60% (3,30% nominale) - durata min. 15 anni e massima 30 anni - spread 3,00% su Euribor (tre mesi)
Ristrutturazione = Taeg 3,77% (3,30% nominale) - durata massima 10 anni - spread 3,00% su Euribor (a tre mesi)
Acquisto e ristrutturazione = Taeg 3,60% (3,30% nominale) - durata min. 15 anni e massima 30 anni - spread 3,00 su Euribor (a tre mesi).

Lo Sconto
Per quantificare l'agevolazione si devono confrontare le condizioni del nuovo mutuo con quelle praticate dalla stessa banca su altri prodotti simili. Nel caso di Banca Sella il confronto va fatto sui mutui "Ambra" (tasso variabile) e "Smeraldo" (Tasso fisso), che hanno un Taeg di 4,62% (Ambra) e 7,57% (Smeraldo). Superiori al mutuo Plafond Casa sono anche gli spread praticati, cioè 4,50% per il tasso fisso e 4,00% per il tasso variabile.
Per il confronto sui prestiti per i soli interventi di ristrutturazioni è stato preso a riferimento il Taeg a 10 anni del mutuo Ambra (fisso) e Smeraldo (variabile), pari, rispettivamente, a 4,82% e a 7,75 per cento. Dal confronto risulta appunto che la convenienza, in termini di punti percentuali sul Taeg, risulta massima (1,05%) sui prestiti a 10 anni a tasso variabile per le ristrutturazioni e minima (0,57%) per i prestiti a 30 anni a tasso fisso per acquisto e acquisto con ristrutturazione.
Per i prestiti a 30 anni a tasso variabile per acquisto e acquisto con ristrutturazione il guadagno per il mutuatario è dell'1,02%. Per i prestiti a tasso fisso a 10 anni per la ristrutturazione il guadagno è quantificabile in 0,60%. Tutti i confronti sono sul Taeg.

Condizioni personalizzate
Banca Sella ci tiene a sottolineare che le condizioni indicate nel foglio sono quelle del limite massimo di onerosità per la clientela. Nel dialogo con il cliente, la Banca potrà prevedere condizioni migliori in base al "rating" del mutuatario.

Costo della provvista Cdp per Banca Sella
La banca di Biella comunica di avere un Tier1 intorno all'11%, collocandosi dunque nella fascia massima di solidità patrimoniale, che consente l'accesso alla provvista Cdp con il minima onerosità. L'accesso alla provvista Cdp avviene pertanto alle seguenti condizioni: 1,60% (10 anni) 1,95% (20 anni) 2,10% (30 anni) sull'Euribor e a 0,95% (10 anni), 1,40% (20 anni) 1,75% (30 anni) sull'Irs.
Il costo della provvista per la banca (come pure la quantificazione dell'agevolazione a favore del cliente) non sono indicate sul foglio, ma verranno precisate sul contratto sottoscritto dal cliente.

I tempi
Banca Sella comunica che in base alla domanda della clientela calcolerà l'importo da chiedere il 5 febbraio in modo da ricevere la prima erogazione il 5 aprile prossimo.

La cessione del credito e il costo notarile
La convenzione Abi-Cdp (articolo 4) prevede che la garanzia sui crediti debba essere ceduta a Cdp, un modo per minimizzare (praticamente azzerare) il "rischio banca" sull'operazione da parte di Via Goito. Tale cessione del credito è onerosa in quanto prevede una scrittura privata autenticata da notaio. Un costo che rischia di sommarsi a quello "tradizionale" dovuto alla sottoscrizione del mutuo. Banca Sella assicura che questo costo verrà sostenuto dall'istituto.

Scarica il foglio informativo sul mutuo "Plafond Casa" di Banca Sella deliberato il 13 febbraio (link )

Scarica la lista delle banche che hanno concluso la procedura di adesione alla convenzione Abi-Cdp (al 14 febbraio 2014) (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA