Casa Fisco Immobiliare

Campania, domanda record per gli alloggi di edilizia convenzionata

Brunella Giugliano

Sono circa 5.200 gli alloggi sociali costruiti in Campania negli ultimi 10 anni. Ulteriori 76 nuove abitazioni sono in corso di realizzazione, mentre 6.071 interventi sono solo programmati o in via di cantierazione. È una prima fotografia regionale sull'housing sociale, in attesa di ulteriori ricognizioni da parte dell'assessorato regionale all'Urbanistica presso gli Iacp e le amministrazioni comunali, anche per monitorare gli interventi realizzati con il Piano Casa (Legge regionale 19/2009 integrata e modificata dalla Legge regionale 1/2011) e che partirà nelle prossime settimane. Ad oggi, infatti, manca ancora una previsione sul fabbisogno di case da destinare a famiglie svantaggiate. L'unica stima (al 2020) è stata effettuata nel 2007 dall'Ance Campania, la Camera di commercio e la Borsa immobiliare di Napoli, secondo cui il deficit ammonterà a circa 153.000 alloggi, di cui 18.500 di edilizia sovvenzionata e 134.500 di convenzionata.

«La richiesta di housing sociale – ha spiegato l'assessore all'Urbanistica, Marcello Taglialatela – impone una nuova politica per la casa. Circa 500 milioni di fondi destinati all'edilizia popolare dalla ex-Giunta è stata dirottata per ripianare i debiti della sanità, circostanza che ha molto rallentato la concretizzazione dei piani. Relativamente alla stima del fabbisogno, il numero è destinato ad aumentare a causa della crisi economica in atto, che ha stravolto ogni precedente equilibrio. Stiamo accelerando il passo sui piani in programma, da realizzare anche con l'apporto di capitali privati. L'obiettivo è di riconvertire volumetrie già esistenti in case per le fasce sociali più deboli».

Tra gli alloggi ancora da costruire, 575 sono stati individuati a seguito di una manifestazione di interesse regionale, avviata nel luglio del 2008 e finalizzata a testare la disponibilità di soggetti pubblici a proporre piani di riqualificazione edilizia e di edilizia residenziale sociale. Allo stato, tutti gli interventi sono stati dichiarati cantierabili, ma la loro realizzazione non è ancora partita. Altri 337 alloggi, per una spesa di 70 milioni (di cui 50 di finanziamento pubblico), sono stati selezionati a seguito di bando (ai sensi del D.M. Infrastrutture 2295 del 26 marzo 2008), pubblicato anch'esso nel luglio 2008, che prevedeva il recupero o la realizzazione di edilizia residenziale sociale da destinare a locazione a canone sostenibile.

Ad oggi è in corso la costruzione di 76 alloggi per un importo di 21,5 milioni. Gli altri alloggi programmati, 5.235, provengono dal piano di housing sociale della Regione Campania elaborato a seguito del decreto ministeriale del marzo 2010 (Piano nazionale di edilizia abitativa) che ha assegnato alla Campania 41,2 milioni. Un piano che in regione ha attivato risorse private per ben 1,366 miliardi. Degli alloggi previsti, contenuti in 67 proposte, 4.221 saranno di edilizia convenzionata per vendita o con riscatto in 10 anni, 791 in affitto per 25 anni e 223 per locazione permanente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA