Casa Fisco Immobiliare

Friuli V.G., cura dimagrante Ater per tagliare i costi di gestione

Franco Tanel

Sono circa 30 mila gli alloggi sociali in Friuli Venezia Giulia a fronte di una richiesta di circa 34mila unità. Più nel dettaglio il patrimonio Erp della Regione al 31 dicembre 2011 è di 29.055 alloggi dei quali 26.666 locati mentre le domande complessive sono 33.863.
Mancano quindi 4.808 alloggi, anche se – come sottolinea l'assessore alla pianificazione territoriale e ai lavori pubblici Riccardo Riccardi - 1168 sono in cantiere, e altri 523 già programmati. Il deficit è quindi è di 3.117 unità, un dato tutto sommato ragionevole, ma che potrebbe crescere a fronte di una sempre maggiore difficoltà della popolazione ad accedere sia ai mutui per l'acquisto che alla locazione sul libero mercato.
Proprio in queste settimane il dibattito politico si infiamma attorno alla decisione di riorganizzare le Ater regionali. «Dobbiamo mettere ordine ad un sistema che è fondamentale per dare risposta alle domanda di alloggio - spiega Riccardi - ma che deve funzionare meglio; adesso costa 78 milioni di euro l'anno di sola gestione di cui uno per cda, collegi sindacali e direttori e oltretutto ha criteri di intervento diversi per ogni Ater». «La soluzione - conclude l'assessore - non è vendere il patrimonio, cosa tra l'altro difficilissima, visto che coi soldi ricavati da dieci appartamenti se ne potrebbero costruire al massimo un paio; c'è da ragionare piuttosto sul rapporto fra i canoni d'affitto e la capacità delle stesse Ater di restituire nel tempo i finanziamenti ricevuti. E poi si può pensare anche su una collaborazione coi privati che si trovano con un patrimonio di alloggi nuovi e difficilissimi da affittare sul libero mercato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA