Gestionale

Più risorse per la formazione per le imprese aderenti a Fondimpresa

A.A.

Il fondo interprofessionale (Confindustria, Cgil, Cisl e Uil; 177mila imprese aderenti) ha alzato dal 1° gennaio dal 70 all'80% la quota di contribuzione destinabile alla formazione

Dal 1° gennaio 2015 le imprese aderenti a Fondimpresa avranno la possibilità di destinare al proprio Conto Formazione l'80%, anziché il 70%, della quota dei loro versamenti, pari allo 0,30%. In tal modo, le aziende interessate potranno fruire di maggiori risorse da destinare alla formazione dei propri dipendenti.

Fondimpresa è il più grande fondo interprofessionale esistente in Italia, promosso da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil. Ad esso aderiscono 177.041 imprese, per 4.602.220 lavoratori. Nel campo delle costruzioni le imprese aderenti sono 28.829, per 303.000 lavoratori.

Fondimpresa accantona nel conto individuale di ciascuna azienda aderente, denominato "Conto Formazione", una quota pari al 70% del contributo obbligatorio dello 0,30% sulle retribuzioni dei propri dipendenti versato al Fondo tramite l'INPS.

Lo 0,30% è un contributo mensile destinato specificamente alla formazione che ogni impresa versa obbligatoriamente all'Inps per tutti i lavoratori e soci lavoratori inquadrati come dipendenti. Anche i dirigenti inquadrati come dipendenti versano questo contributo.
Le imprese che non aderiscono ad alcun Fondo continuano comunque a versare il contributo all'Inps.

Nel caso di Fondimpresa, dal 1° gennaio 2015 le imprese possono scegliere di destinare al proprio Conto Formazione l'80% dei contributi versati. Questa opzione, revocabile in ogni momento, va eseguita collegandosi all'area riservata agli associati, sul sito Fondimpresa. Per le aziende che non la attivano tutto rimane invariato.

Le risorse finanziarie che affluiscono nel "Conto Formazione" sono a completa disposizione dell'azienda titolare, che può utilizzarle per fare formazione ai propri dipendenti nei tempi e con le modalità che ritiene più opportuni, sulla base di Piani formativi aziendali o interaziendali condivisi dalle rappresentanze delle parti sociali.
Queste risorse possono finanziare fino ai due terzi di ciascun Piano formativo, mentre il restante terzo resta a carico dell'impresa titolare e può essere coperto con la spesa sostenuta per i propri dipendenti in relazione alle ore di partecipazione alle attività di formazione.
Per verificare le risorse finanziarie disponibili sul Conto Formazione aziendale e presentare piani formativi condivisi occorre registrarsi all'Area riservata del sito di Fondimpresa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA