Gestionale

Rinnovato il contratto lapidei, incrementi per 12mila addetti

Contratto rinnovato per gli oltre 12mila addetti del settore lapidei piccola e media industria, distribuiti in 2.209 aziende. Ieri sera i sindacati di categoria Filca-Cisl, Feneal-Uil e Fillea-Cgil, hanno sottoscritto il verbale di accordo insieme alla controparte, Aniem Confapi. L'incremento salariale è pari a 130 euro al livello 5 (parametro 136) e a 95,58 euro al livello 8 (parametro 100), e sarà suddiviso in tre tranches: marzo 2014, luglio 2014 e luglio 2015. Gli arretrati saranno erogati nei mesi di marzo, maggio, agosto ed ottobre 2014. Il contratto, scaduto il 3 marzo del 2013, ha durata triennale, dal 1° aprile 2013 al 31 marzo 2016. Il montante salariale è pari a 3.511,66 euro.

"Tra le novità più rilevanti – spiega Riccardo Gentile, segretario nazionale della Filca-Cisl – ci sono la costituzione del Comitato Paritetico Nazionale Lapidei Pmi e la grande attenzione dedicata al welfare. Per la sanità integrativa è stato individuato ‘Altea' come Fondo di riferimento, decisione che ci soddisfa particolarmente perché si tratta del Fondo costituito dai tre sindacati di categoria. A partire dal 1°marzo 2014 le aziende verseranno obbligatoriamente, per ogni dipendente in forza, un contributo totalmente a carico dell'impresa pari a 5 euro.
Dal 1° gennaio 2015 il contributo viene elevato a 8 euro. Inoltre per quanto riguarda la Previdenza Integrativa (Fondo Arco) l'incremento ottenuto interessa soltanto la quota a carico delle aziende ed è dello 0,50 % a regime. Risultati importanti anche sul fronte dell'apprendistato professionalizzante, con la revisione dell'accordo, e del contratto a tempo determinato, per il quale è stato ridefinito il limite percentuale (25% sul totale degli occupati a tempo indeterminato). Adesso l'accordo dovrà ottenere il via libera dalle assemblee, che sono in programma in tutti i luoghi di lavoro e dovranno svolgersi entro il prossimo 12 aprile", conclude Gentile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA