Gestionale

Domani a Bruxelles manifestazione dei sindacati Ue

Saranno circa 4.500 i lavoratori delle costruzioni che scenderanno in piazza a Bruxelles il 23 gennaio prossimo da tutta Europa per chiedere parità di salario, parità di diritti e parità di lavoro, contro il dumping sociale e lo sfruttamento dei lavoratori. I manifestanti daranno vita ad un corteo che percorrerà le principali vie della città fino a raggiungere la sede della Commissione Europea. Lo rende noto un comunicato. Alla manifestazione organizzata dalla Fetbb, la Federazione Europea dei lavoratori del Legno e dell'Edilizia, parteciperà «una folta delegazione italiana dei sindacati delle costruzioni FeNeal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil per chiedere misure adeguate su salute e sicurezza, ispezioni e sanzioni efficaci contro il dumping sociale e lo sfruttamento dei lavoratori».
«Stiamo assistendo in Europa - scrivono i sindacati - ad una graduale e crescente erosione dellôattuale legislazione sul lavoro e sulla protezione sociale. I sistemi di protezione dei lavoratori nel settore dell'edilizia e di lotta contro la frode negli ultimi anni sono stati aboliti o indeboliti, per questo la Fetbb chiede che nella futura direttiva europea vi siano misure concrete che aiutino a combattere duramente le frodi sociali, i reclutatori fraudolenti di lavoratori, il falso lavoro indipendente e le imprese-caselle postali. Un mercato interno senza regole sociali e fiscali porta al dumping sociale. L'Europa deve imporre il rispetto delle regole».


© RIPRODUZIONE RISERVATA