Gestionale

A Parma recuperati 2 milioni non versati da imprese irregolari

Dal luglio 2010 a novembre di quest'anno i tecnici della Cassa edile di Parma hanno ispezionato 1.003 cantieri riscontrando 19 durc falsi, 59 lavoratori in situazioni irregolari e 48 imprese che non avevano rispettato l'obbligo di iscrizione alla stessa cassa edile. Nello stesso periodo, l'attività di ispezione di Cassa edile ha permesso di recuperare importi non dichiarati o non versati da imprese e committenti per 2,09 milioni. Una parte di questi importi dovuti, recuperati grazie all'attività prevista dall'accordo, sono utilizzati anche per diffondere la cultura della prevenzione e sicurezza, anche attraverso la formazione dei lavoratori, compresi gli autonomi. I dati emergono a margine della presenazione del nuovo accordo che lega la Cassa edile all'Ausl per la
sicurezza nei cantieri e la lotta al lavoro irregolare.

Per quanto riguarda l'azienda sanitaria invece, nel 2011 sono stati ispezionati 746 cantieri di cui 151 della tratta ferroviaria Pontremolese e 52 ispezioni fatte congiuntamente con direzione territoriale del lavoro, Inps, Inail. L'attività di controllo ha portato nel complesso a 150 verbali di prescrizione, 8 verbali di disposizione, 321 atti di polizia giudiziaria e 13 verbali di sanzioni amministrative. Per quanto riguarda la situazione degli infortuni, infine, quelli denunciati all'Inail
nel 2011 nel settore costruzioni a Parma e provincia sono stati 891, contro gli 885 del 2010.


© RIPRODUZIONE RISERVATA