Gestionale

Ministero della Giustizia: «Tirocinio breve, la norma è retroattiva»

Giuseppe Latour

Con una circolare Via Arenula chiarisce: «Le disposizioni si applicano anche ai praticantati avviati prima dell'entrata in vigore del decreto liberalizzazioni»

Il tirocinio breve di 18 mesi è retroattivo. Il chiarimento, che riguarda le norme introdotte del decreto liberalizzazioni (Dl n. 1/2012), è arrivato con la circolare 4 luglio 2012 del ministero delle Giustizia, in materia di accesso alle professioni regolamentate.
L'indicazione costituisce un cambiamento rispetto al recente passato. Nel maggio scorso un parere a firma dell'ufficio legislativo di via Arenula aveva affermato che la nuova durata dei tirocini, pari a 18 mesi, si sarebbe applicata solo ai praticantati avviati dopo la data del 24 gennaio 2012, momento di entrata in vigore del decreto liberalizzazioni. La circolare, invece, fa marcia indietro e afferma che la norma sul tirocinio breve è retroattiva: si applica quindi anche ai praticantati avviati prima dell'entrata in vigore del decreto liberalizzazioni. «Nel caso di specie, - recita il testo - deve ritenersi che la norma sia applicabile immediatamente, ovvero anche ai casi di tirocinio iniziato in precedenza».

Probabilmente, a pesare sul giudizio del ministero è stata soprattutto la considerazione che un'impostazione diversa sarebbe stata esposta a contenzioso, perché avrebbe generato disparità evidenti tra chi ha iniziato il tirocinio prima e chi dopo il decreto n. 1/2012. Uno scostamento di pochi giorni avrebbe potuto causare un ingresso nel mondo del lavoro ritardato di mesi. In sostanza, spiega il testo, «si verificherebbero situazioni di palese disparità di trattamento nell'accesso alla professione in relazione alla data di inizio del tirocinio, nel senso di penalizzare fortemente coloro che abbiano iniziato la pratica professionale immediatamente prima dell'entrata in vigore della norma, e ciò in violazione del principio costituzionale di uguaglianza consacrato nell'articolo 3 della Costituzione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA