Gestionale

Formedil: formazione record, boom di presenze femminili

In uno scenario di grande difficoltá per il settore edile, la formazione non solo tiene, ma mostra segnali di crescita. È quanto emerge dal Rapporto Formedil, curato dal Cresme per Formedil (Ente nazionale per la formazione e l'addestramento in edilizia) e presentato oggi a Napoli nel corso della prima conferenza del Sistema ilaterale delle costruzioni patrocinata dall'Inail.
Nel 2011 si è verificata la più alta partecipazione ai corsi di formazione in edilizia degli ultimi anni. Una formazione che ha riguardato oltre che la sicurezza importanti progetti strutturali: 16oreprima (corsi di primo ingresso nel settore), Mics (formazione obbligatoria per gli adempimenti nel campo delle attrezzature e delle macchine di cantiere), apprendistato. Lo scorso anno sono stati formati 142.357 allievi: il numero più alto dal 2009, quando sono partite le iniziative dell'ente bilaterale. Tra di loro più di 116.000 operai e 23.000 tecnici. In particolare, si è registrato un boom della presenza femminile, passata da 5.000-6.000 unitá nei primi due anni alle quasi 15.000 del 2011. Nel triennio della crisi il sistema ha formato più di 385mila allievi, di cui 311mila operai e 64mila tecnici. Il numero degli stranieri ha oscillato tra i 26.000 e i 29.000.


© RIPRODUZIONE RISERVATA