Gestionale

Costruzioni, meno partite Iva

Aumentano le partite Iva in Italia, ma non in edilizia. € quanto emerge dai dai diffusi oggi dal dipartimento delle finanze del Ministero dell'Economia. A marzo sono state aperte 62.284 nuove partite Iva, in confronto al corrispondente mese del 2011 si registra un incremento del
7,4%, mentre, rispetto al mese precedente, l'aumento é pari al 12,4%.

La classificazione per settore produttivo evidenzia il calo del settore edilizio (-2,4%) all'interno di un calo dello 0,8% dell'intero settore industriale. Il commercio registra il maggior numero di aperture di partite Iva: il 22,2% del totale, seguito dalle attività professionali
con il 15,8%. La distribuzione per natura giuridica conferma la netta preponderanza delle persone fisiche nelle aperture di partita Iva (quota del 77,7%) e, tra le altre forme giuridiche, le
società di capitali raggiungono il 14,2%.

Riguardo alla ripartizione territoriale delle aperture, il 41,5% di esse si é registrato al Nord, il 23,2% al Centro, il 35,2% al Sud ed Isole; il confronto con marzo dello scorso anno
mostra aumenti superiori al 10% al Centro-Sud, anche se non mancano forti difformità (in Campania si raggiunge il +21%, in Molise il -8,8%), mentre al Nord-ovest l'incremento
é assai più contenuto e quasi nullo al Nord-Est.


© RIPRODUZIONE RISERVATA