Lavori Pubblici

Toscana, riparte il recupero dell'ex carcere di San Gimignano

Riparte l'opera di recupero del complesso di San Domenico, l'ex carcere chiuso da venti anni nel pieno centro storico di San Gimignano.
Ieri è stata firmata la presa di possesso al 50% da parte della Regione e del Comune che si riprendono la parte di proprietà della Provincia di Siena sui circa 5mila metri quadri dell'antico convento divenuto poi struttura detentiva di massima sicurezza.
Il progetto prevede di farne un centro di produzione culturale, artigianale e commerciale al servizio del territorio in 15 anni, attraverso una serie di fasi con una spesa valutata tra i 17 e i 18 milioni di euro.
«Il passaggio - ha dichiarato l'assessora regionale alla cultura Sara Nocentini in visita al San Domenico - consente di dare concretezza a un progetto importante, perfettamente inserito nei piani regionali che individuano gli investimenti culturali quali asse strategico per far ripartire le economie locali».
San Gimignano è già sito mondiale dell'umanità riconosciuto dall'Unesco, ha proseguito l'assessora, ed è cuore della cultura toscana. «Il progetto di recupero dell'ex carcere punta ad aumentare la qualità della vita dei cittadini e la fruibilità dei beni culturali - ha concluso Nocentini -. E si rapporta anche col progetto di Siena capitale della cultura 2019 su cui anche la Regione sta investendo molto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA