Lavori Pubblici

La giunta stanzia 47 milioni per appalti di edilizia sanitaria

Ben 47 milioni di euro per il potenziamento e l'ammodernamento degli ospedali lombardi, di cui quasi 12 destinati a interventi di emergenza urgenza in vista di Expo 2015. È, in sintesi, quanto è stato deliberato dalla Giunta lombarda.

Per quanto riguarda le opere funzionali allo svolgimento dell'Expo sono stati concessi finanziamenti alle seguenti strutture che nei mesi scorsi hanno presentato alla Regione dei piani di potenziamento per fronteggiare i picchi di utenti in coincidenza con l'esposizione: Aziende Ospedaliere Sacco, Niguarda e Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico.
In particolare, al Sacco con questa delibera vengono erogati 5.050.600,00 euro per ristrutturare e potenziare il pronto soccorso, acquisire attrezzature sanitarie e fare investimenti. L'Azienda Ospedaliera di Niguarda ha ottenuto, invece, 2.070.622 euro per lo sviluppo del Pronto Soccorso e potenziamento dell'area DEA. Infine, alla Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico sono stati destinati 4.801.896 euro per il completamento del DEA.

Gli altri finanziamenti sono andati alle seguenti strutture ospedaliere: Brescia; Asl di Milano (padiglione dell'ex Ospedale Malattie infettive - 'Agostino Bassi'); A.O. San Carlo Borromeo di Milano; A.O. Ospedale Civile di Legnano per la creazione del nuovo Pronto Soccorso di Magenta; A.O. Carlo Poma di Mantova; A.O. Ospedale di Circolo di Busto; A.O. di Desenzano del Garda e Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia.

Infine, sempre all'interno del maxi stanziamento odierno sono destinati oltre 10 milioni di euro
(10.666.800) al San Gerardo di Monza per l'acquisto di arredi e attrezzature, in base al cronoprogramma già approvato. «Complessivamente - conclude l'Assessore alla Salute e vicepresidente della Regione, Mario Mantovani - andiamo oggi ad assegnare 47 milioni di euro per migliorare ulteriormente la qualità e le strutture del servizio sanitario lombardo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA