Lavori Pubblici

Misure più flessibili per la rinascita dei centri storici

Nuove misure per supportare in maniera flessibile la rinascita dei centri storici e urbani colpiti dal sisma del maggio 2012 e 11 milioni di euro per il piano 'città pubblica'. E' quanto ha deciso si mettere in campo il commissario delegato alla ricostruzione e presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, anche grazie ad alcuni elementi definiti dalla Legge di stabilita' del Governo nazionale, che garantiscono maggiore elasticita' nell'utilizzo delle risorse per la ricostruzione.

I provvedimenti, contenuti in due ordinanze firmate da Errani, mirano a favorire il ripristino delle condizioni di vita, la ripresa delle attivita' economiche e la riduzione della vulnerabilita' in ambiti che abbiano subito danni molto gravi al patrimonio edilizio abitativo, produttivo e per servizi, ai beni culturali e alle infrastrutture attraverso programmi di rigenerazione che si integrino con gli interventi di ricostruzione gia' in atto.

Per questo e' prevista la possibilita' di realizzazione da parte dei Comuni di un Piano organico per recuperare anche gli immobili di proprietari che non intendono farlo, attraverso la vendita e successiva destinazione all'affitto, in modo da raggiungere il duplice risultato di ricostruire e aumentare l'offerta di alloggi in locazione rivitalizzando i centri storici.

La giunta ha approvato inoltre una misura per la 'citta' pubblica', mettendo a disposizione dell'area colpita dal sisma ulteriori 11 milioni di euro con la Legge di bilancio del 2014. I fondi andranno a investimenti su marciapiedi, strade e piazze, volti a integrare i piani di rivitalizzazione dei centri.

Ad oggi, secondo i dati dei sistemi Mude e Sfinge, le ordinanze per la liquidazione bancaria hanno raggiunto quota 2.922 per un importo di 420 milioni. Sono complessivamente 12.300 le domande e le prenotazioni registrate su Mude (esclusi ancora gli edifici che rientrano nelle Umi) a fronte di 14.000 edifici danneggiati registrati attraverso le schede Aedes. Le abitazioni interessate dagli interventi gia' finanziati sono 11.076 (pari a 18.396 abitanti).


© RIPRODUZIONE RISERVATA