Lavori Pubblici

Certificazione energetica, anche la Lombardia adotta il nuovo attestato («Ape»)

Maria Chiara Voci

Rimangono solo due Regioni in cui si compilano attestati con la vecchia dicitura: si tratta di Piemonte e Valle d'Aosta

Dallo scorso 15 gennaio anche in Lombardia la targa dell'efficienza degli edifici si chiama attestato di prestazione energetica o Ape, al posto della vecchia dicitura di attestato di certificazione energetica o Ace. La Regione guidata dalla Giunta Maroni, che su molti punti si discosta dalla norma nazionale in tema di rendimento degli edifici, si allinea in questo caso con le disposizioni varate dallo Stato, la scorsa estate, con l'approvazione del Dl 63/2013 e, più in generale, con quanto sancito dalla Direttiva 2010/31/Ue.

Il cambio di denominazione è stato deciso con l'approvazione della Dgr 1216 del 10 gennaio 2014 . L'atto contiene altri correttivi, nella direzione della norma nazionale. Nella delibera viene infatti ampliato, anche a livello regionale, l'elenco dei titoli di studio idonei ad esercitare la professione di certificatore, sulla base di quanto previsto dal Dpr 75/2013 e viene inclusa la classe di laurea magistrale LM 71, cioè Scienze e tecnologie della chimica industriale. In Lombardia, rimane tuttavia invariato, a differenza di quanto disposto dal Governo, il requisito del superamento di uno specifico corso di formazione, con esame finale, per tutti coloro che chiedono di essere accreditati per l'attività di rilascio degli attestati, indipendentemente dal titolo di studio conseguito e dall'iscrizione all'Ordine o Collegio professionale.

Per ciò che riguarda il termine di Attestato di certificazione energetica, sono ancora due le Regioni che non hanno cambiato la propria normativa e sul cui territorio continuano a essere compilati Ace, anziché Ape. Si tratta del Piemonte e della Valle d'Aosta: in entrambi i casi, sul punto, è in corso un processo di revisione della disciplina regionale. Inoltre anche il Liguria, se la norma è stata cambiata il software rilascia ad oggi ancora attestati di certificazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA