Lavori Pubblici

Emilia Romagna, 42 milioni per il programma di edilizia sociale

Un'iniezione di fondi per dare vigore ad un settore in crisi come quello delle costruzioni. La cura arriva dalla Regione: 42 milioni di euro destinati a rifinanziare il programma per l'edilizia residenziale sociale varato nel 2010 e il bando che assegna contributi alle giovani coppie (ma non solo) che vogliano acquistare casa.

Gran parte delle risorse messe a disposizione da viale Aldo Moro per il rilancio dell'edilizia, riguardano il programma Ers: la giunta ha emesso una delibera per lo scorrimento della graduatoria che ha permesso di recuperare 15 milioni di euro non utilizzati dalle imprese (la recessione ha fermato, infatti, l'attività di molte aziende). A questi si aggiungono altri 15 milioni stanziati dalla regione. La somma complessiva, circa 30,8 milioni (6,9 dallo stato, 24 dall'Emilia Romagna), servirà a far partire 25 nuovi cantieri per la costruzione di 306 alloggi.

Per ottenere il finanziamento, le imprese devono realizzare o recuperare alloggi da destinare alla locazione permanente, o di medio (10 anni) o lungo termine (almeno 25 anni) a canoni non solo più bassi di quelli di mercato, ma del 30% inferiore agli affitti a canone concordato. Il programma Ers 2010 vale nel complesso 74 milioni di euro per la realizzazione di 775 appartamenti.

Per l'ottavo bando «giovani coppie», invece, riceveranno contributi tutte le 413 richieste di acquisto della casa arrivate alla regione. Per coprire l'intera cifra, 11 milioni di euro, l'Emilia Romagna ha stanziato altri 6,6 milioni rispetto ai 4,6 inizialmente previsti. La metà circa delle domande (202) arrivano dai territori colpiti dal terremoto del maggio 2012: ai beneficiari un contributo da 30.000 euro, che diventa più ricco se ci sono figli (3.000 euro) e se la casa che si acquista è in classe energetica A (2.000 euro). Per i richiedenti che non vivono nell'area del cratere il finanziamento è di 20.000 euro (anche in questo caso aumenta in presenza di figli o se
l'appartamento è ecosostenibile).


© RIPRODUZIONE RISERVATA