Lavori Pubblici

Approvata la nuova legge sugli appalti pubblici

«La nuova legge sugli appalti è un risultato importante per il Trentino, perché garantisce maggiore efficienza e più flessibilità al sistema pubblico, mettendo le imprese trentine nella condizione di operare al meglio». L'assessore provinciale ai lavori pubblici Alberto Pacher commenta in maniera positiva l'approvazione da parte del Consiglio provinciale, senza alcun voto contrario, delle modifiche alla legge provinciale sui lavori pubblici e sul personale della Provincia.

Il Consiglio provinciale ha approvato senza alcun voto contrario le nuove norme sugli appalti pubblici. Si tratta in parte di un adeguamento alle normative nazionali e, soprattutto, anche di modifiche che garantiranno maggiore flessibilità ed efficienza al sistema degli appalti pubblici, con un ruolo di maggiore coinvolgimento delle imprese.

Una delle modifiche va nel senso di accelerare i pagamenti: l'obiettivo è di aumentare all'80 per cento la percentuale degli appalti che verranno pagati entro 30 giorni. Inoltre il nuovo testo formalizza le procedure di finanza di progetto: in altre parole, viene data la possibilità di coinvolgere capitali privati nella realizzazione di opere pubbliche. come nel caso del Nuovo Ospedale Trentino, che vedrà il privato non solo come realizzatore dell'opera ma anche come gestore della struttura (in settori come il riscaldamento, la lavanderia ed altri servizi) per un congruo periodo di tempo.

Inoltre gli imprenditori privati potranno contare sul "contratto di disponibilità", ovvero avrà la possibilità a suo rischio di realizzare un immobile per offrirlo in affitto all'ente pubblico. «Sarà questa - avverte Pacher - una nuova forma di partnership pubblico/privato che avverrà nella più rigorosa osservanza delle norme».

Altra novità riguarda il passaggio della concertazione, ovvero la possibilità di avviare un confronto tra Provincia e imprese su progetti di particolare importanza senza il minimo aggravio di tempi. Infine, la nuova legge consente a Patrimonio del Trentino di mettere a disposizione a prezzi di favore o gratuitamente degli immobili agli enti locali del Trentino, per finalità sociali e pubbliche, prescindendo quindi dall'obiettivo della valorizzazione economica. (ppf)


© RIPRODUZIONE RISERVATA