Lavori Pubblici

Piano casa, nel Lazio è boom di richieste: 3mila Dia in quattro mesi

Giulia Del Re

Sono 4.111 le richieste presentate finora, erano 1.350 a gennaio. L'impennata dopo le due circolari esplicative che ampliano le possibilità per i priccoli interventi privati, anche nei condomini. Secondo gli uffici regionali i nuovi innterventi sono capaci di attivare investimenti per circa 120 milioni

Boom di Dia, nel Lazio, dopo l'approvazione delle circolari esplicative del Piano casa varato dalla Giunta regionale ed entrato in vigore lo scorso settembre. Finora, sono state presentate 4.111 dichiarazioni di inizio attività. Un dato in netta crescita, se consideriamo che, fino alla fine di gennaio il numero di Dia raccolte in cinque mesi (da settembre a gennaio) era stato pari a 1.350. Mentre, in quattro mesi (da febbraio a maggio), la cifra è più che triplicata superando la quota di 4.000 dichiarazioni.

La crescita di richieste è dovuta principalmente all'emanazione di due circolari relative alle norme contenute nel Piano casa regionale. E in particolare alla prima, diffusa a gennaio, con cui la Giunta del Lazio fornisce chiarimenti e clausole interpretative ai privati che vogliono ampliare la loro unità abitativa del 20%.

Chiarendo l'ambito di applicazione della legge (appartamenti fino a 70 metri quadrati o condomini che, accordandosi, possono unificare il bonus riservato ai singoli condòmini per realizzare una nuova unità abitativa, magari in cortile, da affittare o vendere) e specificando come realizzare gli interventi, la circolare ha indotto i privati ad attivarsi. Una seconda circolare, emanata a maggio, riguarda gli interventi più corposi del Piano casa, quelli relativi ai cambi di destinazione d'uso. Progettazioni più complesse che poco o nulla incidono, per ora, sul numero di Dia raccolte e per le quali sarà necessario più tempo per la programmazione.

A conti fatti, come spiegano gli uffici regionali, la quasi totalità delle Dia presentate finora riguarda gli interventi privati fino a 70 mq, che da soli svilupperanno investimenti pari ad almeno 120 milioni di euro (considerando una media di 20 mq a intervento per un totale di circa 82mila mq complessivi di nuove realizzazioni e moltiplicandoli per un costo medio di 1.500 euro al metro quadrato).

Nel dettaglio, delle 4.111 Dia presentate, 2.319 riguardano il territorio di Roma e Provincia, 183 quello di Rieti, 436 quello di Frosinone, 508 la Provincia di Viterbo e 665 quella di Latina. Boom nel Comune di Anzio (Rm), dove il numero di Dia è passato dalle 20 di gennaio alle 275 di fine maggio. «Il Piano casa del Lazio – ha commentato il vice presidente della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti - si dimostra un contributo, seppur piccolo, in un momento di crisi profonda, per un settore come quello dell'edilizia, che per il Lazio rappesenta il 30% del Pil».


© RIPRODUZIONE RISERVATA