Lavori Pubblici

Nuovo piano casa, la Calabria dà l'ok alle modifiche

Maria Chiara Voci

Il provvedimento, varato con la legge 7/2012, era stata impugnato dal Consiglio dei ministri per vizi formali - Emendata anche la legge 14/2011 sull'abitare sostenibile

Semaforo verde, in Calabria, alla riforma del nuovo piano casa, varato con la legge 7/2012, ma subito impugnato dal Consiglio dei Ministri per una serie di vizi formali, in contrasto con la competenza prioritaria dello Stato in materia di distanza fra gli edifici, tutela del paesaggio e prevenzione del rischio sismico. Dopo l'annunciata correzione del testo in sede di Commissione, l'aula ha votato lunedì scorso, 28 maggio, gli emendamenti alla prima stesura. Con la pubblicazione sul Bollettino, anche la Regione guidata da Scopelliti potrà procedere con l'applicazione degli interventi di ampliamento e sostituzione edilizia.

Le modifiche, come ha spiegato Alfonso Dattolo, presidente della Commissione assetto del Territorio «non hanno scalfito il testo di legge originariamente approvato, ma lo hanno solo ulteriormente migliorato». In particolare, è stato chiarito come la modifica della sagoma planivolumetrica possa essere effettuata, in accordo con la norma statale, solo qualora essa sia necessaria all'armonizzazione architettonica dell'edificio con il tessuto urbano esistente. Inoltre è stato chiarito che in tutti i casi, non solo per le delocalizzazioni delle volumetrie (come appariva dalla lettura della versione originaria) è sempre necessario rispettare le norme fissate dal Governo in materia di altezze massime e distanze minime fra gli edifici (in più punti, viene sottolineato il rispetto del d.m. 1444/68 e del d.pr. 380/2008). Corretta, infine, la previsione di sanatoria degli abusi edilizi realizzati in aree sottoposte a vincolo paesaggistico.
Sempre nella seduta del 28 maggio, l'aula ha inoltre emendato la legge 41/2011 che disciplina l'abitare sostenibile, riscrivendo l'articolo sulla gestione dei rifiuti da cantiere edile e conformandola alle disposizioni nazionali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA