Lavori Pubblici

Rivista la legge anti-alluvione

Semaforo verde, da parte del consiglio regionale della Toscana (che si è riunito oggi, 16 maggio 2012), al restyling della legge «antialluvione» 66/2011 (Legge Finanziaria per l'anno 2012).

Con una modifica agli articoli 141 (sulla tutela delle acque) e 142 (sugli interventi nelle aree a pericolosità idraulica elevata), la Regione amplia i contorni del precedente testo e permette, fra gli interventi realizzabili, anche opere per lo stoccaggio, trattamento, smaltimento e recupero dei rifiuti, a condizione che siano preventivamente realizzate le opere per la loro messa in sicurezza di ritorno duecentennale e che non sia aggravata la pericolosità idraulica della zona.

Come ha spiegato in aula il presidente della commissione Ambiente, Vincenzo Ceccarelli: «i ritocchi mirano a risolvere alcuni «problemi interpretativi emersi in fase di prima applicazione della legge e garantiscono una corretta e uniforme attuazione su tutto il territorio».

Intorno al restyling è, tuttavia, aperta la polemica, visto che la legge di fatto semplifica la strada per la realizzazione dell'ampliamento del termovalorizzatore di Selvapiana, nel Comune di Rufina, in Provincia di Firenze. «Non si tratta di un provvedimento ad hoc - ha aggiunto il presidente -. La legge rispetta le caratteristiche che ogni norma deve avere: è generale e astratta».


© RIPRODUZIONE RISERVATA