Lavori Pubblici

Campania, niente più file per ottenere l'autorizzazione sismica

Brunella Giugliano

L'assessore ai Lavori pubblici Edoardo Cosenza: «Sarà anche possibile informatizzare tutto l'archivio degli uffici regionali del Genio Civile

Meno burocrazia per le aziende di costruzione della Campania. Parte «Sismica», il sistema informativo per la difesa del territorio contro il rischio di terremoti che consente di migliorare i controlli e al tempo stesso garantire uno snellimento delle procedure amministrative a carico degli imprenditori edili. La giunta regionale ha, infatti, concesso il nulla osta definitivo al progetto, nato dagli assessorati alla Ricerca e Innovazione e ai Lavori Pubblici, autorizzando al tempo stesso uno stanziamento di 980mila euro col quale è possibile coprire la quasi totalità dei costi (mancano all'appello 100mila euro). Il grande cervellone informatico è già pronto e nei prossimi giorni partirà anche la gara per individuare la società che dovrà gestirlo. In pratica, attraverso il web, le aziende potranno ottenere l'autorizzazione sismica di competenza del Genio Civile, ma anche informazioni e chiarimenti, sulle attività di rilascio delle autorizzazioni e sui permessi di regolarità sismica delle costruzioni. Niente più lunghe file agli sportelli del Genio Civile, quindi, con notevole vantaggio in termini di costo e di ottimizzazione del tempo. Con il sistema, infatti, l'imprenditore o il professionista che inviano la richiesta possono seguire passo dopo passo lo sviluppo del procedimento e conoscerne così i tempi di esecuzione per poter programmare gli investimenti. E Sismica servirà anche per attutire gli effetti della legge regionale 19 del dicembre 2009 (Piano Casa) e smaltire rapidamente le autorizzazioni sismiche in giacenza e propedeutiche all'inizio dei lavori. La norma, in particolare, modificando la legge regionale 9 del 1983, ha determinato un incremento delle attività a cui però non è corrisposto un aumento di personale presso il Genio Civile. Prima della sua entrata in vigore, infatti, solo un campione di pratiche presentate, pari al 3%, veniva sorteggiato e controllato mentre gli altri atti ricevevano in automatico il nulla osta per il ritiro. Dal dicembre 2009, invece, i progetti devono essere controllati tutti, senza distinzione. «Con questo progetto – ha detto l'assessore ai Lavori Pubblici, Edoardo Cosenza - si ottiene il duplice scopo di agevolare i professionisti e di informatizzare completamente l'archivio degli uffici regionali del Genio civile». Inoltre, grazie all'avvio di Sismica, sarà possibile creare un archivio digitale associato ai procedimenti, utilizzabile sia in fase di istruttoria che a fini statistici e di reportistica, anche a supporto delle politiche in materia di prevenzione e protezione dal rischio sismico.
«Con Sismica - ha aggiunto l'assessore alla Ricerca Scientifica, Guido Trombetti - la Campania si pone all'avanguardia assoluta in Italia nell'ambito dell'informatizzazione degli archivi. Il lavoro di molti professionisti sarà semplificato ma si otterranno numerosi vantaggi anche in termini di sicurezza, grazie alla tracciabilità dei progetti che permetterà, in ogni momento, di conoscere la storia di un edificio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA