Lavori Pubblici

Perugia all'ottavo posto nazionale per ettari edificati

Lo. Bo.

In 11 anni sono state rilasciate 5,5 milioni di concessioni edilizie, per lo più lungo le principali arterie viarie, con una forte concentrazione sull'asse Spello, Assisi, Bastia

Negli ultimi dieci anni in Umbria si sono consumati 40mila ettari di territorio per realizzare abitazioni, insediamenti commerciali e industriali. Una superficie grande quanto tutto il comune di Spoleto. Solo dal 1995 al 2006 sono state rilasciate 5,5 milioni di concessioni edilizie, per lo più lungo le principali arterie viarie, con una forte concentrazione sull'asse Spello, Assisi, Bastia, Perugia. Lo studio, realizzato dal comitato umbro per la difesa del suolo incrociando i dati di Legambiente, Fai, Istat e Ispra, evidenzia la forte tendenza all'eutrofizzazione del territorio.
"Questi sono dati comunque obsoleti", ha commentato Luca Trepiedi, portavoce del comitato. L'obiettivo della campagna è proprio aggiornare questi dati, rispondendo alle domande: Quanti fabbricati vuoti, sfitti o inutilizzati ci sono nei territori urbani umbri? E quante sono invece le aree rese edificabili nei piani regolatori per rispondere alle presunte esigenze abitative della popolazione di ciascun comune? Secondo il Comitato, nato dalla volontà di alcune sigle del mondo ambientalismo umbro, come Legambiente, il Wwf, il Fai, Slow Food, l'Acu, "l'Umbria registra valori di punta a livello nazionale per suolo consumato per chilometro quadrato, considerato che il 30% della sua superficie sono monti" mentre "Perugia è una città che tocca cifre record per il livello di edificazione pro capite". Quest'ultimo, un dato esemplificativo, che posiziona la città all'ottavo posto in Italia per ettari edificati (secondo Ispra), accostandosi a centri di dimensioni molto più grandi per numero di abitanti. Un dato che ha portato l'associazione a cominciare una nuova scansione del territorio regionale, in particolare studiando i piani regolatori dei vari comuni, per reperire informazioni più precise e aggiornate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA