Lavori Pubblici

Toscana, 15,7 milioni per le aree produttive

Finanziate le opere di urbanizzazione, la sistemazione a verde, viabilità, parcheggi, collegamenti su rotaia, presidi sanitari e di primo soccorso, stazioni di rifornimento e depuratori

La riqualificazione ambientale di aree destinate a insediamenti produttivi è l'obiettivo del bando che la Regione Toscana finanzia con 15 milioni e 700 mila euro per sostenere lo sforzo di enti locali, istituti di ricerca, università per la realizzazione di aree industriali da destinare a piccole e medie imprese dell'industria, dell'artigianato e dei servizi.
«Grazie a questo bando – spiega l'assessore alle Attività produttive, lavoro e formazione Gianfranco Simoncini – puntiamo a favorire il recupero di aree già esistenti o anche alla realizzazione di nuove aree, adeguatamente attrezzate e ben collegate con la rete viaria o ferroviaria, nel rispetto delle compatibilità ambientali, in modo da favorire gli investimenti delle piccole e medie imprese di tutti i settori. In particolare, grazie a questo bando, rendiamo più appetibili le aree destinate ad ospitare attività produttive, possiamo pensare di attrarre nuovi investitori, anche provenienti da fuori regione, rendendo più facili i nuovi insediamenti".
I destinatari del bando sono Comuni, Province, Comunità montane, enti pubblici e consorzi di enti pubblici, università e centri di ricerca, consorzi o società miste pubblico-private, fondazioni a totale composizione pubblica. Le opere che potranno essere finanziate, in nuove aree o in zone già esistenti, sono le opere di urbanizzazione, la sistemazione a verde, la realizzazione di viabilità, parcheggi, collegamenti su rotaia, presidi sanitari e di primo soccorso, stazioni di rifornimento e depuratori. Il contributo che si potrà richiedere potrà essere o a fondo perduto (fino ad un massimo del 60% della spesa di investimento), o sotto forma di finanziamento agevolato (fino al 100% dell'investimento), restituibile in un arco di tempo fra i cinque e i dieci anni.
Le domande devono essere presentate on-line entro il 1 luglio 2012.


© RIPRODUZIONE RISERVATA