Lavori Pubblici

Valle d'Aosta, 6 milioni per le piccole opere

Per realizzare i 24 interventi saranno assunti a maggio gli edili provenienti dalla «Spa salvaprecari»

La giunta regionale della Valle d'Aosta ha approvato il Piano di settore degli interventi a favore degli enti locali per l'adeguamento e la realizzazione di opere minori di pubblica utilità, che mette a disposizione 5 milioni e 885 mila euro.
Nell'ambito di questo Piano partiranno a maggio i cantieri regionali nei quali saranno impegnati gli operai edili a tempo determinato che lo scorso anno erano stati incorporati nella cosiddetta «Spa salvaprecari» e che ora invece rientrano nella nuova gestione esternalizzata. «L'affidamento con cottimo fiduciario e l'esecuzione delle opere - ha spiegato l'assessore regionale ai Lavori pubblici, Marco Vierin - terranno conto della clausola sociale o di salvaguardia che pone per l'appaltatore l'obbligo di utilizzare, per l'esecuzione del contratto, il personale già utilizzato dalla Regione o dalla Società di Servizi».
«Il poter mettere sul mercato - aggiunge Vierin - in un momento di gravissima crisi economica come quella che stiamo attraversando, 24 interventi e finanziamenti per circa sei milioni con la clausola che impone l'obbligo, così come dettato dalla finanziaria 2012-2014, di assunzione del personale in graduatoria degli edili, permetterà sicuramente una boccata d'ossigeno sia al tessuto sociale valdostano che nel dare nuova opportunità alle imprese del settore».
Le procedure per l'affidamento dei lavori e di verifica dei requisiti generali, saranno svolte dagli uffici della Regione tra la metà di marzo e il mese di aprile. La sottoscrizione dei contratti e l'inizio dei lavori sono previsti a partire dal mese di maggio, «più o meno come l'anno scorso» dice Vierin, con una durata dei cantieri di circa 26 settimane.


© RIPRODUZIONE RISERVATA