Casa Fisco Immobiliare

Vendita Barrack-Quatar, maxi-sequestro di hotel e ville abusive

Dopo quelli di ieri eseguiti dalla Guardia di Finanza di Sassari, che ha sequestrato beni immobili per oltre 132 milioni di euro, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Sassari e i colleghi del Reparto Territoriale di Olbia, hanno sequestrato porzioni di opere immobiliari realizzate in violazione delle norme ambientali e di edilizia, nei più prestigiosi complessi alberghieri della Costa Smeralda.
Il provvedimento ha interessato complessivamente 37 immobili abusivi per un totale di 17.000 metri cubi di volumi corrispondenti a 6000 metri quadri di superficie. Le strutture interessate sono l'Hotel Romazzino, l'Hotel Pitrizza e l'Hotel Cervo. Al Romazzino sono state sequestrate 6 ville di 300 metri quadri, 7 piscine, parte della struttura principale e un'ampia area demaniale di circa 600 metri quadri ubicata nei pressi del complesso alberghiero che arbitrariamente lo occupava, al 'Pitrizza' il provvedimento ha interessato 15 ville, mentre all'Hotel Cervo sono state poste sotto sequestro stanze di albergo e numerose strutture sportive e ricreative.

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Tempio dietro richiesta del procuratore Capo, Domenico Fiordalisi, e ha interessato opere eseguite in dispregio dei vincoli di legge per un valore stimato di circa 80 milioni di euro.

I reati contestati sono quelli di corruzione per atti contrari al proprio ufficio in concorso, abuso d'ufficio e violazione delle norma del ''Codice dei beni culturali e del paesaggio'' per avere realizzato le suddette opere parte in assenza di concessione edilizia e parte in difformità alle autorizzazioni rilasciate.

Secondo la procura, le strutture sarebbero state realizzate abusivamente al fine di aumentare strumentalmente il valore delle opere oggetto della compravendita tra Colony Sardegna e la multinazionale araba ''Qatar Holding Investment'' per massimizzare le plusvalenze e l'evasione fiscale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA