Casa Fisco Immobiliare

I prezzi delle case scendono ancora: -0,6% sul trimestre e -4,8% sull'anno

Massimo Frontera

Lo dice l'Istat nell'ultima nota sull'andamento dei listini residenziali nel secondo trimestre 2014

Ancora un calo dei prezzi delle case. Lo dice l'Istat nell'ultimo aggiornamento relativo al secondo trimestre di quest'anno. L'indice che misura l'andamento dei prezzi delle abitazioni ha fatto segnare l'ennesima flessione - pari allo 0,6% - rispetto al trimestre precedente. Rispetto a un anno fa, l'indice evidenzia invece un più pesante decremento del 4,8 per cento.

Si tratta dell'undicesima flessione congiunturale consecutiva; e del decimo decremento tendenziale consecutivo.

«Le flessioni congiunturali e tendenziali - spiega l'Istat - sono dovute alle diminuzioni dei prezzi sia delle abitazioni esistenti (-0,7% rispetto al primo trimestre 2014, -5,7% rispetto allo stesso trimestre del 2013) sia di quelle nuove (-0,2% su base congiunturale, -2,7% su base annua)». «Pertanto - prosegue la nota - il differenziale in valore assoluto tra la variazione tendenziale dei prezzi delle abitazioni esistenti e quella dei prezzi delle abitazioni nuove, dopo il minimo del quarto trimestre del 2013 (2,4 punti percentuali), si amplia a 3 punti percentuali da 2,9 del trimestre precedente».

«In media ricorda l'Istat - nel primo semestre dell'anno in corso, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, i prezzi delle abitazioni diminuiscono del 4,9%, sintesi di un calo del 2,8% per quelle nuove e del 5,8% per quelle esistenti.»

Quanto alla serie storica, l'Istat segnala che rispetto al 2010 (anno base dell'indice) la caduta è stata pari a -11,2 per cento. Questa è dovuta esclusivamente alle abitazioni esistenti, i cui prezzi, nello stesso periodo, sono scesi del 16,0%, mentre la variazione di quelli delle abitazioni nuove, sebbene prossima allo zero, risulta tuttora lievemente positiva (+0,3%).

Scarica il comunicato dell'Istat (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA