Casa Fisco Immobiliare

Gestione immobili, legali e architetti in una società da 2 miliardi di portafoglio

Massimo Frontera

La nuova società si chiama Swimm asset & property management, unisce i un unico soggetto i servizi legali, di property, asset e tecnico-progettuali e gestirà un portafoglio di oltre 2 miliardi

Il mercato immobiliare sembra ancora lontano dalla ripresa; ma c'è chi pensa che le cose cambieranno e si sta preparando per quando il vento tornerà a soffiare. Lo studio legale Scarselli e associati - con competenze maturate nel diritto immobiliare e delle infrastrutture - è tra gli operatori che stanno oggi investendo sul futuro.

Lo studio ha infatti annunciato la prossima costituzione di una nuova società - Swimm asset & property management - che si propone come consulente "globale" per tutti i servizi legati agli immobili, integrando in unico soggetto in grado di offrire servizi di asset (guida agli investimenti), property (amministrazione), project management e consulenza professionale tecnica.

Socio in questa iniziativa è lo studioWork in progress Architetti (Wip Architetti) , partner storico dello studio legale, che ora assume l'onere di assicurare i servizi tecnici e di progettazione legati agli immobili. Ma non è finita qui. Presto i soci diventeranno tre. «Si aggiungeranno a breve altre competenze di soggetti che saranno a breve associati - anticipa Alessandro Scarselli -: mi riferisco ad attività di agenzia, intermediazione immobiliare».

«Tutti grossi gruppi che detengono portafogli immobiliari esternalizzano il servizio di property, e anche l'asset - spiega Scarselli -. Quello che noi ci proponiamo, che dovrebbe essere la novità, è cercare di dare un servizio in più, in modo da evitare ai nostri clienti di dover esternalizzare i servizi al tecnico professionista».

L'idea - insomma - è quella di creare un "supermarket" dove il proprietario immobiliare trova tutti i servizi, dall'assistenza legale all'amministrazione, dall'asset management ai servizi tecnico-professionali di progettazione, fino alla messa sul mercato del bene, evitando una ricerca dei singoli fornitori per ciascuna attività.

La nuova società nasce ovviamente con un'attività "captive" di tutto rispetto. I clienti dello studio legale portano in dote i servizi legati a un portafoglio che complessivamente vale 2 miliardi. Tra i clienti dello studio ci sono Prelios, Aedes, Deutsche Bank. «Non è un mistero - aggiunge Scarselli - che tra i clienti abbiamo anche la Banca araba saudita che possiede in Italia 300 immobili cielo terra, già di proprietà dell'Enel, il più vasto patrimonio immobiliare privato di un investitore estero nel nostro paese».

La nuova società di servizi immobiliari rappresenta anche una risposta all'evoluzione del mercato immobiliare, per come la stanno vivendo i promotori. «I servizi tecnici richiesti più spesso riguardano le valorizzazione degli immobili, i cambi di destinazione d'uso e le trasformazioni. Una tendenza che è già in atto da tempo, insieme alle dismissioni immense di immobili in atto, dove il più delle volte c'è un conduttore, ma molte volte no». «Le attività legate al settore alberghiero vanno moltissimo».

Un altro servizio molto richiesto è quello delle regolarizzazioni edilizie e della bonifica delle "passività ambientali". «In passato gli enti di Stato hanno fatto quello che volevano sui loro immobili - spiega Scarselli - tutte modifiche che richiedono una regolarizzazione edilizia e catastale». «Poi ci sono gli immobili tecnologici e industriali che vedono una notevole presenza di passività ambientali, vale a dire presenza di materiali inquinanti o amianto. Si tratta di aspetti che in fase di vendita o di gestione un grande operatore property deve mettere a posto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA