Casa Fisco Immobiliare

Casa, per le compravendite crollo del 9,2% nel 2013

M.Fr.

Le compravendite di abitazioni hanno fatto registrare nel 2013 un calo del 9,2% rispetto all'anno prima. Lo dice l'ultima nota sull'Osservatorio immobiliare dell'Agenzia delle Entrate diffuso il 10 marzo

Segno ancora negativo, nel 2013, per il mercato immobiliare italiano: le compravendite residenziali sono calate del 9,2% a quota 403.000, sotto i livelli del 1985. È quanto emerge dai dati forniti dall'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate.

Sempre in base alle informazioni dell'Agenzia delle Entrate - il valore di scambio delle abitazioni compravendute in Italia è stato stimato pari a 66,8 miliardi, circa 8 miliardi di euro in meno del 2012, con un calo del 10,7 per cento.

Per quanto riguarda l'andamento dell'intero mercato immobiliare, il il 2013 ha fatto registrare una perdita pari all'8,9% rispetto all'anno precedente (-24,8%): le compravendite immobiliari si sono attestate 904.960, quasi 88mila in meno rispetto al 2012).

Come si diceva, per le sole abitazioni il calo è stato del 9,2% - pari a 403.124 unità (nel 2012 il calo è stato pari a -25,8%) - e il livello registrato è inferiore a quello del 1985. Nell'ultimo trimestre del 2013 le compravendite sono risultate in calo del 7,5% a 249.974 unità.

In generale - riferisce l'Omi - la flessione risulta comunque attenuata negli ultimi tre mesi del 2013 con un calo del 7,5% delle compravendite. Il dato dell'ultimo trimestre 2013, e di conseguenza anche quello annuale, «risente dello spostamento di parte dei rogiti dagli ultimi mesi del 2013 ai primi mesi del 2014 per sfruttare la più conveniente imposta di registro», ha spiegato il vicedirettore dell'Agenzia delle Entrate, Gabriella Alemanno. Tenendo conto di questo fenomeno, le vendite degli ultimi tre mesi dello scorso anno risulterebbero sostanzialmente in linea con quelle del trimestre immediatamente precedente. E sempre per effetto di questo slittamento, nel mese di gennaio 2014 per il settore residenziale, secondo i primi dati dell'Agenzia delle Entrate, si è registrato un aumento del 7,5% delle compravendite».

Scarica il rapporto dell'Agenzia delle Entrate (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA