Casa Fisco Immobiliare

Nomisma, previsioni fosche per le compravendite a fine anno: -6%

"Si confermano fosche le percezioni degli operatori riguardo all'andamento del mercato residenziale nei prossimi 6 mesi", si legge nell'Osservatorio sul Mercato Immobiliare, luglio 2013, curato da Nomisma su 13 grandi città, presentato a Roma in occasione di un evento organizzato in collaborazione con Italfondiario.
Dal monitoraggio curato dall'Istituto di ricerca bolognese emerge come più del 50% degli intervistati ritiene verosimile un ulteriore calo delle compravendite e quasi il 70% prevede un calo dei prezzi delle abitazioni.
Il sentiment degli operatori sui prezzi conferma il suo andamento fortemente negativo. La sensazione è chiara: i valori immobiliari devono ulteriormente calare (considerando il dimezzamento delle compravendite realizzatosi negli ultimi 6 anni) e ad essa occorre aggiungere un'ulteriore revisione al ribasso delle aspettative sul fronte delle quantità scambiate.
Un segnale di miglioramento delle aspettative si coglie al riguardo dei canoni di locazione, ma questo non mitiga l'attesa degli operatori rispetto a un nuovo calo dei valori.
Segno "meno" si ha rispetto alla quantità (con un paragone rispetto all'analisi effettuata nei passati sei mesi).
"Decisamente negativo" il quadro sul fronte direzionale: "non accadeva dal 2007 che il sentiment degli operatori sulle compravendite non scendesse al di sotto del livello del sentiment sui prezzi" è scritto nero su bianco sull'Osservatorio curato da Nomisma.
Per quanto riguarda il mercato dei negozi esso ricalca l'andamento del settore direzionale. Gli operatori vedono nero su tutti i fronti considerati, sia per quanto concerne le quantità scambiate che valori di compravendita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA