Casa Fisco Immobiliare

Affitti, dalla cedolare secca gettito inferiore alle previsioni

E.T.

La cedolare secca non funziona. La nuova forma di imposizione sui redditi da locazione ha prodotto «un gettito di gran lunga inferiore alle previsioni». È quanto ha indicato il direttore del dipartimento delle finanze del ministero dell'economia, Fabrizia Lapecorella, nel corso dell'audizione alla commissione Finanze della Camera. «La finalità del tributo non era agevolare il contribuente ma incentivare l'emersione di redditi in nero dalle locazioni», ha indicato Lapecorella ribadendo che la cedolare secca é comunque più favorevole per i contribuenti.

A consuntivo 2011 il gettito complessivo della cedolare secca é ammontato a 672 milioni di euro e la previsione per il 2012 é di 814 milioni mentre le stime per il periodo 2013-2015 sono
state abbassate di un quarto. Il direttore del dipartimento delle Finanze ha rilevato che ci sono state anche «ragioni tecniche» alla base del gettito di gran lunga inferiore alle stime. «La procedura per l'opzione di scegliere la cedolare secca é stata molto complessa», ha affermato Lapecorella aggiungendo che é ancora presto per una analisi sul gettito 2011, in particolare verificare la quota di emersione.

Lapecorella ha inoltre ricordato la correzione delle stime sul gettito del tributo. Per il 2012 il gettito atteso é stato abbassato a 814 milioni di euro rispetto agli oltre 3,8 miliardi precedenti e per il triennio 2013-2015 il gettito stimato ammonta a 976 milioni l'anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA