Casa Fisco Immobiliare

Istat: forte calo dei permessi di costruire nell'ultimo semestre 2011

Edilizia in crisi nel 2011. Il terzo e quarto trimestre dello scorso anno, infatti, hanno registrato una forte flessione negli indicatori dei permessi di costruire. Un calo sia per l'edilizia residenziale che soprattutto per quella non residenziale. È l'Istat a certificare così l'affanno del settore.

Per l'edilizia residenziale, infatti, il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali per i quali è stato rilasciato un permesso di costruire ha segnato una diminuzione tendenziale del 15,2%, in attenuazione nel quarto trimestre 2011 (-7,8%). La corrispondente superficie utile abitabile, diminuita del 14% nel terzo trimestre, nel quarto scende dell'8,9% rispetto allo stesso trimestre del 2010.

In calo il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali che raggiunge il livello minimo con 25.425 unita'. In lieve ripresa, spiega ancora l'Istat, risulta il livello registrato nel quarto trimestre, quando le abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali raggiungono le 28.918 unità. Nel 2011 le abitazioni calano del 5,7% rispetto al 2010. La corrispondente superficie utile abitabile è, nel terzo trimestre del 2011, pari a 2.068.876 mq, con una risalita (2.383.617 mq) nel quarto trimestre.

Nell'intero anno 2011 la superficie utile abitabile è inferiore del 2,2% rispetto a quella del 2010.
Per quel che riguarda l'edilizia non residenziale si rileva una flessione molto marcata su base tendenziale (-18,2%); nel quarto trimestre 2011 la variazione negativa si presenta ancora più elevata e pari a -19,2%.La superficie dei nuovi fabbricati non residenziali e' pari a 3.176.816 mq nel terzo trimestre del 2011 e a 3.442.644 mq nel quarto, confermando, pur in presenza di forti oscillazioni congiunturali, i bassi livelli dei primi due trimestri dell'anno. Nel 2011 si registra una diminuzione annua del 17,7% di superficie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA