facility management

Aggiudicata la gara Consip per gli immobili pubblici: vincono i «soliti noti»

Selezionate le cordate per aree geografiche, poi arriveranno i contratti con le singole amministrazioni
Accedi a My

Consip SpA ha aggiudicato provvisoriamente, fermo l'espletamento degli obblighi di legge, la gara per l'attivazione di una convenzione relativa all'affidamento dei servizi di Facility Management per immobili, adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle pubbliche amministrazioni. Oggetto della fornitura sono, tra gli altri, servizi di manutenzione impianti, pulizia e igiene ambientale, reception, facchinaggio, nonché strumenti informatici per la gestione del contratto e del rapporto col fornitore.
L'iniziativa – del valore di 1.036 milioni di euro - rende disponibile un'opportunità di efficienza e di contenimento dei costi riferita a una domanda complessiva della Pubblica Amministrazione di 13.612 milioni di euro in rapporto a ordinativi principali di fornitura della durata di quattro o sette anni [fonte: elaborazioni Consip] e mette a disposizione delle amministrazioni un risparmio stimato in 381 milioni di euro l'anno.
Come per tutte le altre convenzioni, l'aggiudicazione non rappresenta un acquisto diretto. Consip stipulerà un contratto-quadro con gli aggiudicatari, sul quale ciascuna amministrazione potrà emettere, anche online, gli ordinativi per far fronte ai propri eventuali fabbisogni, alle condizioni di qualità e di prezzo aggiudicate.
Alla gara - effettuata a procedura aperta e aggiudicata con la modalità dell'offerta economicamente più vantaggiosa seguendo criteri economici e tecnici - hanno partecipato 16 Raggruppamenti Temporanei d'Impresa, per un totale di 124 imprese concorrenti. La gara è stata vinta:

-nel Lotto 1 (Piemonte e Valle d'Aosta) dal RTI Manital Idea SpA - Manital Società Consortile per i Servizi Integrati SpA, con un ribasso medio del 20,27% sui servizi operativi. La Convenzione prevede per il lotto in oggetto un massimale di fornitura (ovvero il valore dei servizi acquistabili in convenzione dalle P.A. al prezzo convenuto) di 76 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 2 (Lombardia) dal RTI Romeo Gestioni SpA – Consorzio Romeo Facility Services 2010, con un ribasso medio del 18,67% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 84 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 3(Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia) dal RTI Cofely Italia SpA, Astrim SpA, Co.L.Ser Servizi Scarl, C.N.C.P. soc. coop, con un ribasso medio del 16,88 % sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 70 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 4 (Emilia Romagna e Liguria) dal RTI Coopservice scpa – Euro & Promos Group soc. coop. pA – Pulirapida Srl – CPL Concordia soc. coop. – Cristoforetti Servizi Energia Srl – Consorzio Cooperative Costruzioni soc.coop. - Simtek SpA, con un ribasso medio del 12,24% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 91,5 milioni di euro (escluso plafond). Lotto già aggiudicato il 19/1/2012

-nel Lotto 5 (Toscana e Umbria) dal RTI Manutencoop Facility Management SpA - Impresa Pulizie e sanificazione Salus Srl - P.F.E. SpA - Società Euroambiente Srl, con un ribasso medio del 13,08% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 70,5 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 6 (Abruzzo e Marche) dal RTI Guerrato SpA, Ciclat soc. coop. - C.M. Service Srl - Copma soc. coop. Arl, con un ribasso medio del 21,84% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 70 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 7 (Lazio – escluso il Comune di Roma – e Sardegna) dal RTI CNS Consorzio Nazionale Servizi Società Cooperativa - Siram SpA - Combustibili Nuova Prenestina Srl - Exitone SpA, con un ribasso medio dell'11,03% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 52 milioni di Euro (escluso plafond).

-nel Lotto 8 (Comune di Roma, solo I Municipio) dal RTI Romeo Gestioni SpA – Consorzio Romeo Facility Services 2010, con un ribasso medio del 18,67% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 78 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 9 (restanti Municipi del Comune di Roma) RTI Manital Idea SpA - Manital Società Consortile per i Servizi Integrati SpA, con un ribasso medio del 20,13% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 146 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 10 (Campania e Basilicata) dal RTI Romeo Gestioni SpA – Consorzio Romeo Facility Services 2010, con un ribasso medio del 18,67% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 123 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 11 (Molise e Puglia) dal RTI Romeo Gestioni SpA – Consorzio Romeo Facility Services 2010, con un ribasso medio del 19,01% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 68 milioni di euro (escluso plafond).

-nel Lotto 12 (Sicilia e Calabria) dal RTI Manital Idea SpA - Manital Società Consortile per i Servizi Integrati SpA, con un ribasso medio del 20,27% sui servizi operativi. Massimale di fornitura: 107 milioni di euro (escluso plafond).

La convenzione, che avrà una durata di 18 mesi, potrà essere prorogata fino a ulteriori 12 mesi su comunicazione scritta di Consip SpA qualora alla scadenza del termine non sia stato esaurito l'importo massimo complessivo previsto (pari a 1.243 milioni di euro, ovvero 1.036 milioni di euro di massimale incrementato del valore economico del plafond aggiuntivo, pari a 207.200.000 euro) e fino al raggiungimento del medesimo.
Tutte le amministrazioni pubbliche - centrali e locali - e le società pubbliche possono utilizzare tale convenzione per i propri approvvigionamenti. Negli eventuali acquisti al di fuori dalla convenzione, tutti i soggetti sono tenuti a rispettarne i parametri di qualità e prezzo.
Gli ordinativi principali di fornitura stipulati dalle singole amministrazioni potranno avere una durata pari a quattro o a sette anni in funzione delle esigenze delle amministrazioni stesse.

Commenta la notizia

Dossier on line

SPECIALE CLASSIFICHE
Le prime 50 imprese italiane di edilizia


Fatturato in leggera crescita (+5%) e redditività in forte aumento (Ebitda +28%, Ebit +35%, utile netto sette volte rispetto all'anno precedente). I bilanci 2013 delle prime 50 imprese italiane di costruzioni (top 45 imprese generali e Top 5 specialistiche) rivelano una situazione complessivamente positiva,a ma dietro il dato aggregato si nascondono situazioni profondamente diverse.
Nel Dossier Classifiche, a cusa di Aldo Norsa e lo studio Guamari, i dati di bilancio e le schede di analisi, impresa per impresa. Allegato al settimanale e scaricabile online per gli abbonati, acquistabile separatamente per tutti.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Città

MIlano, nessuna offerta per il dopo-Expo: futuro dell'area da rivedere - All'ex Falck la prima scuola modello di Piano

Asta deserta: la base d'asta era 315 milioni, per acquisire nel 2016 il milione di mq del terreno dell'esposizione - Previsti 480mila mq di Slp e un parco urbano da 440mila mq di St

Progetti e Concorsi

Architetti, reddito crollato del 40% in 6 anni: è allarme povertà. Tutti i dati - I n 30mila per 140 posti al catasto

Rapporto Cresme-Cna: studi sempre più indebitati e in credito con Pa e clienti privati. L'estero resta un sogno. In 5 anni dimezzate le immatricolazioni