Progettazione e Architettura

Torna sui tetti di Milano il ristorante «pop up» di Park Associati

Francesca Oddo

Il modulo è pensato come na sorta di teatro gastronomico ambulante dove grandi chef, a rotazione, sono invitati a esibirsi in performance di show-cooking

Sui tetti di Milano, sopra Palazzo Beltrami (proprietà di Banca Intesa SanPaolo) in Piazza della Scala, ha aperto Priceless Milano,il ristorante temporaneo e itinerante firmato da Park Associati per MasterCard nell'ambito del programma «EXPO in città» , con il patrocinio del Comune di Milano e l'organizzazione di 4WARD.events. Con un rivestimento in lamiera di alluminio forata dalla tinta bronzo/oro, il modulo è concepito secondo logiche di flessibilità ed effetti a sorpresa: le pareti scorrevoli possono dividere la zona cucina dalla zona pranzo, il tavolo si solleva sul soffitto e lo spazio si libera completamente. La terrazza è coperta dallo stesso rivestimento che, a un certo punto, si impenna leggermente e si trasforma in una vela dal profilo dinamico e slanciato. «Il modulo è pensato per potersi spostare e sovrapporre a edifici preesistenti in situazioni di elevata visibilità - spiegano i progettisti - ed è anche concepito come una sorta di teatro gastronomico ambulante, un carro di Tespi della ristorazione, dove grandi chef, a rotazione, sono invitati a esibirsi in performance di show-cooking».

Priceless Milano, che rimarrà aperto per tutta la durata dell'Expo, ricorda l'avventura di The Cube del 2011, il ristorante appoggiato su un palazzo a fianco della Galleria Vittorio Emanuele e progettato dagli stessi architetti per Electrolux. Anch'esso itinerante e temporaneo (oltre che a Milano fece tappa in altri capitali europee), fu oggetto di polemiche in quanto diversi cittadini non apprezzarono il fatto che una struttura dal volto contemporaneo si affiancasse ai monumenti storici e che la Sovrintendenza e il Comune avessero permesso l'operazione.

In realtà The Cube, come oggi Priceless Milano, è stata un'occasione ben riuscita di dialogo fra il suo linguaggio innovativo e la memoria storica del centro milanese. Allo stesso modo, Priceless Milano, oltre a essere temporaneo e a non occupare ulteriore suolo pubblico, porta nuova linfa vitale alla città storica, aggiornando le sue pagine di vita, arricchendole di nuove visioni capaci di suggerire un immaginario inedito e possibile per il cuore di Milano.

Per i due eventi, «il Comune d Milano ha ricevuto una donazione di 60 mila euro complessive da parte di Electolux e di 4WARD.events. La somma è stata messa a bilancio alla voce arredo urbano», spiegano in Comune.


© RIPRODUZIONE RISERVATA