Progettazione e Architettura

Urbanistica in Rosa, ecco le vincitrici

Urbanistica in Rosa, decretate le vincitrici. La Commissione giudicatrice del concorso, composta da membri dell'Associazione Ilaria Rambaldi Onlus, dell'Istituto Nazionale di Urbanistica e dell'Università dell'Aquila, ha scelto tra le partecipanti le tesi di laurea più innovative aventi ad oggetto studi di pianificazione urbanistica e territoriali concernenti i temi della prevenzione e mitigazione dei rischi, nonché il recupero, la ricostruzione e la riqualificazione urbanistica e socio-economica di centri storici, città, aree metropolitane e reti di città colpite da eventi calamitosi naturali.
Alla terza edizione di Urbanistica in Rosa hanno partecipato tesi di laurea magistrali in Ingegneria Edile - Architettura, Architettura, Pianificazione e Ingegneria Civile discusse nel biennio 2013/2014.
Le vincitrici, in ex - aequo, sono Lucia Cinquemani (Università di Bologna) e Carla Villani (Università dell'Aquila). Sono stati inoltre ritenuti meritevoli di segnalazioni i lavori di Manola Colabianchi (Università di Roma "La Sapienza") e la tesi di gruppo di Marta Fabris e Anna Gatto (Iuav di Venezia).

La premiazione avrà a luogo a Lanciano, in provincia di Chieti, domani, venerdì 10 aprile, nell'ambito del convegno "Prevenzione e riduzione del rischio sismico per la sicurezza del territorio", a cui parteciperà tra gli altri l'architetto di fama internazionale Mario Cucinella.

Il concorso "Urbanistica in rosa" è stato istituito a partire dal 2013 dall'Associazione Ilaria Rambaldi Onlus, con il supporto scientifico dell'Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), per ricordare Ilaria Rambaldi, giovane studentessa di ingegneria laureata honoris causa in Urbanistica, che ha perso la vita nel crollo del palazzo di Via Campo di Fossa a L'Aquila nel sisma del 2009. Il premio rientra nelle finalità dell'associazione che intende valorizzare, attraverso questa iniziativa, il merito delle giovani laureate in edile - architettura, architettura, ingegneria civile e pianificazione nonché attivare nuove sinergie con le istituzioni pubbliche e private nelle tematiche della sicurezza e prevenzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA