Progettazione e Architettura

Ex mercati generali di Roma, arriva un cavaliere bianco (e il Comune approva la variante)

Francesco Nariello

Il sindaco Ignazio Marino annuncia l'interessamento del finanziere Robert De Balkany per rimettere in moto il maxi progetto nell'area dell'Ostiense

Sbloccare il cantiere per la riqualificazione degli Ex Mercati Generali di Roma grazie alla spinta di una nuova partnership con uno dei maggiori immobiliaristi a livello europeo. Si tratterebbe, secondo accreditate indiscrezioni, del finanziere Robert De Balkany. È questo il succo della dichiarazione d'intenti rilasciata, in un'intervista radiofonica, dal sindaco di Roma, Ignazio Marino.

L'obiettivo è dare una scossa al progetto - nato più di dieci anni fa (con la "Città dei Giovani" firmata da Rem Koolhaas) e "rilanciato", l'ultima volta, nel giugno scorso - che avrebbe dovuto cambiare volto al quartiere Ostiense ma che, tra varianti in corso d'opera, ipotesi differenti sul destino dell'area, fallimenti e lungaggini burocratiche, non è mai decollato. Con la Giunta capitolina che, intanto, ha approvato proprio oggi il preliminare con l'ultima variante.

«Mercoledì pomeriggio ho incontrato il più grande immobiliarista del continente europeo, che è venuto a Roma perché vuole, in tempi brevissimi, risanare quella ferita urbana aperta nel cuore della città, che sono gli ex Mercati generali sull'Ostiense», queste le dichiarazioni a Radio Radio del sindaco Marino, che ha poi aggiunto: «Entro l'autunno partiranno i cantieri e lì ci sarà una meravigliosa nuova centralità con una piazza pedonale che, addirittura, sarà più grande di piazza del Popolo. E tutto questo entro il 2017».

Il grande immobiliarista, che entrerebbe in partnership con la concessionaria partecipata della Lamaro Appalti dei fratelli Toti, sarebbe - dunque - il finanziere Robert De Balkany, promotore immobiliare specializzato, tra l'altro, nel recupero di siti urbani da riqualificare. Una ipotesi concreta, a quanto pare - di cui è a conoscenza (sebbene non abbia alcun ruolo attivo nella trattativa) anche l'assessorato alla Trasformazione urbana di Roma Capitale - che potrebbe dare nuova linfa ad un cantiere che appare pressoché in stallo. La scelta di entrare in gioco da parte dell'immobiliarista franco-romeno sarebbe guidata anche dalla sterzata verso la destinazione commerciale dell'area decisa con l'ultima variante.

Proprio oggi, 13 marzo, la Giunta capitolina ha approvato il progetto preliminare che tiene conto della seconda e definitiva variante. A spiegare le novità é stato l'assessore all'Urbanistica di Roma Capitale, Giovanni Caudo, annunciando un accordo per la conclusione dei lavori entro giugno 2017, con il progetto definitivo che dovrà essere consegnato entro 90 giorni. «Abbiamo approvato una delibera con una variante del progetto degli Ex mercati che consente di far ripartire la parte del cantiere nuovo«, ha detto Caudo, sottolineando che «questa variante risistema il progetto definitivo di tutta l'area e fissa le condizioni con cui verranno scanditi i tempi per la presentazione del progetto, che dovrebbe essere ormai nei prossimi mesi per far partire i cantieri il piu presto possibile. Abbiamo lavorato diversi mesi dopo che l'area é stata data in concessione da 10 anni e non si era fatto nulla».

Con il progetto redatto dal Laboratorio di Progettazione di Roma Tre, che prevede numerose modifiche all'impianto originario (pur senza una variazione di superficie), la "ex" Città dei Giovani somiglierà in modo più deciso a un grande centro commerciale, visto che tale destinazione assorbirà circa il 50% dell'area (40,8% commerciale, per 35mila mq, e 9-10% ristorazione). Ma l'area, tra l'altro, ospiterà anche una struttura ricettiva di 5mila metri quadrati per studenti fuorisede (studentato), una biblioteca, una mediateca, un cinema multisala e parcheggi sotterranei. Tra le novità introdotte ci sono una rampa che da via Ostiense arriverà fino ai parcheggi interrati e la minore altezza degli edifici vicino alla ferrovia Roma-Lido.


© RIPRODUZIONE RISERVATA