Progettazione e Architettura

E' morto Frei otto, archistar del parco delle Olimpiadi di Monaco

Addio a una delle prime archistar internazionali. L'architetto tedesco Frei Otto è morto all'età di 89 anni in Germania ed era considerato il "re delle tensostrutture", come testimonia il suo capolavoro, il parco delle Olimpiadi di Monaco di Baviera del 1972, con l'Olympiastadion e la sua mirabile copertura trasparente a forma di ragnatela. L'annuncio della scomparsa del pioniere dell'architetto strutturalista, avvenuta lunedì sera, è stato dato oggi dal comitato americano che assegna il Premio Pritzker, considerato il Nobel dell'architettura. Otto è deceduto due settimane prima di essere nominato il vincitore dell'edizione del Pritzker Prize, che ha già consacrato nel suo albo d'oro nomi dell'architettura del XX secolo come Tadao Ando, Norman Forster, Oscar Niemeyer, Renzo Piano e Aldo Rossi.
La prestigiosa carriera di Frei Otto era stata già coronata da prestigiosi riconoscimenti: nel 1997 gli è stato assegnato il Wolf Prize per l'architettura; nel 2005 il Royal Institute of British Architects gli ha conferito la medaglia d'oro e nel 2006 ha ottenuto il Praemium Imperiale. Nel 1967 ha ricevuto il Premio Perret dell'Union Internationale des Architects. L'università di Washington lo ha proclamato dottore honoris causa in arte e architettura; nel 1977 è stato tra i firmatari della Carta del Machu Picchu per l'architettura. Era membro onorario dell'American Institute of Architects


© RIPRODUZIONE RISERVATA