Progettazione e Architettura

School of Sustainability, nasce a Bologna il master targato Cucinella

Mila Fiordalisi

«Laboratorio» creativo aperto a neolaureati e ricercatori, professionisti e imprese del settore, promosso da Mario Cucinella e Building Green Futures - Corsi post laurea da settembre

Formare nuove figure professionali nel campo della sostenibilità, in grado di affrontare le sfide del futuro e governare i processi di trasformazione in atto. Questo l'obiettivo della nuova S.O.S. - School of Sustainability , il "laboratorio" creativo aperto a neolaureati e ricercatori, professionisti e imprese del settore, nata su iniziativa dell'architetto Mario Cucinella e l'associazione no profit Building Green Futures . «Non si tratta di una scuola tradizionale. SOS nasce per lanciare un messaggio : urgenza di futuro – sottolinea l'architetto Cucinella –. Sarà un sensore sensibile ai grandi cambiamenti, un luogo di scambio per sviluppare progetti innovativi per un impatto positivo sulla società, l'economia e l'ambiente, attraverso la ricerca e la sperimentazione. Bologna è la sede ideale per un'iniziativa ambiziosa come SOS, perché da sempre è riconosciuta come città aperta e ricettiva nei confronti degli studenti, così come per la sua attenzione ai temi cui il nostro progetto è dedicato».

Quattro, in dettaglio, i corsi di formazione internazionale post laurea che prenderanno il via a Bologna il prossimo settembre e saranno riservati a un massimo di 60 studenti selezionati in ogni parte del mondo fra neolaureati in architettura, ingegneria, design o a chi abbia completato gli studi in discipline inerenti l'economia, la climatologia, la geografia e voglia intraprendere un percorso di specializzazione nell'ambito della sostenibilità. Si tratta di: Architecture as a Social Business, per rigenerare l'ambiente urbano; Post Carbon Architecture, per progettare la nuova generazione di edifici; Right for a (Quality) Shelter, per promuovere lo sviluppo sociale e la resilienza; Blue Design, innovazione e sostenibilità per l'industrial design. Ogni corso prevede 1.500 ore, tra lezioni teoriche, laboratori e studio individuale, articolate in un periodo di 12 mesi.
Fondamentale la collaborazione con professionisti e aziende secondo il principio di «Education: Learning by Doing»: SOS avrà dunque la funzione di piattaforma per lo studio e la condivisione di nuove soluzioni sostenibili.

Insieme a Mario Cucinella, il board che ha delineato il progetto SOS è composto da: il sociologo Mario Abis, la Library Consultant Antonella Agnoli, l'economista e partner di SCOA Renzo Baccolini, l'architetto Alessio Battistella, il direttore di Disegno. La Nuova Cultura Industriale Stefano Casciani, la giornalista e Cultural Strategist Cristiana Colli, il vice presidente della Fondazione del World Summit of Nobel Peace laureates, Enzo Cursio, il capo redattore di Nova24 Luca De Biase, l'architetto Brian Ford, il paesaggista Andreas Kipar, il direttore di The Plan Nicola Leonardi, il Climatologo Antonio Navarra, il segretario generale di Symbola Fabio Renzi, il fondatore della ONLUS Vento di Terra, Annibale Rossi, la professoressa Marina Timoteo e il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA