Progettazione e Architettura

Tre italiani in lizza per i Mipim Awards 2015, gli «Oscar» dell'immobiliare

Alessia Tripodi

Segreen Park di Lombardini22, Eataly World di Prelios e Oxigen Tower di Progetto Cmr tra i 44 finalisti del premio che sarà assegnato il 12 marzo a Cannes

Lombardini22 con il Segreen Business Park a Milano, Prelios Integra con il parco enogastronomico F.i.c.o. - EatalyWorld sviluppato a Bologna con il Fondo Pai e Progetto Cmr Italia con l'Oxygen Eco-Tower a Giacarta. Sono questi i due progetti italiani in lizza per l'edizione 2015 del Mipim Award, il prestigioso premio internazionale per l'immobiliare che sarà assegnato il prossimo 12 marzo a Cannes, nel Palais des Festivals, in occasione della tradizionale fiera immobiliare. In totale sono 44 i finalisti in gara, provenienti da 22 paesi del mondo e sudddivisi in 11 categorie: dalla rigenerazione urbana, ai migliori shopping centre, al residenziale, ai progetti di ristrutturazione, oltre al Premio speciale della giuria che debutta quest'anno.

Proprio nella categoria ristrutturazioni è candidato il Segreen Park milanese (guarda la fotogallery ), un modello di riqualificazione dedicato ai «knowledge workers» che ha ottenuto la Certificazione Cened e la Certificazione Leed Gold. Progettato da Lombardini22 e sviluppato da Cbre Global Investors - e già vincitore del premio Rebuild 2013 (clicca qui ) - il polo comprende tre edifici principali per quasi 30mila mq di spazio per uffici) in dialogo tra loro con collegamenti trasparenti e permeabili, oltre a una piazza pedonale vivibile 24 ore al giorno, un edificio «5 Star Services» dedicato alla ristorazione e ai servizi alle persone (circa 2.300 mq e parcheggi per 610 posti auto, 21 motocicli, 62 biciclette.
«E' una grande sensazione aver progettato un Business Park che oggi costituisce un modello di riferimento per tutti i proprietari e gli sviluppatori interessati a migliorare il proprio patrimonio immobiliare» dice l'Architetto Marco Amosso, cofondatore di Lombardini22, mentre Sandro Campora, Country Manager Italy Cbre, ricorda che «Segreen Business Park sta facendo valere le proprie qualità sul mercato: oggi ospita già aziende di calibro internazionale come Buhler, Brother, Covidien, Heinz, Lenovo, Symantec, Triumph, ed è ancora molto richiesto, nonostante la difficile congiuntura di mercato».

Clicca qui per scaricare la lista completa dei finalisti
Gli altri due finalisti italiani sono invece nella categoria dei grandi progetti futuri. Uno è F.i.c.o. - EatalyWorld (guarda la fotogallery ), il «parco delle meraviglie» dell'agroalimentare italiano firmato da Patrizia Piperno e sviluppato da Prelios Integra grazie al fondo Pai, «Parchi Agroalimentari Italiani», gestito da Prelios Sgr.
Il progetto - 80mila mq di esposizione permanente per la divulgazione dell'enogastronomia italiana attraverso la ricostruzione delle filiere produttive, con oltre 6 milioni di visitatori l'anno previsti - sarà completato, spiega Prelios «entro la prima metà del 2015» per «aprire al pubblico nella seconda metà del 2015, in concomitanza con l'Expo di Milano».

L'altro finalista è l'Oxygen Eco Tower, firmata dall'architetto Massimo Roj e Progetto CMR, che sorgerà a Giacarta, in Indonesia (clicca qui per la fotogallery ). Pensata per essere un'icona del Made in Italy nel mondo, Oxygen Eco-Tower è una costellazione di ville verticali, una torre residenziale, verde, versatile e di lusso, progettata per accogliere 75 piani con residenze ad alto tasso di comfort.«In Italia abbiamo aziende, artisti e artigiani che sono da sempre la ricchezza e l'orgoglio del Made in Italy - ha detto Massimo Roj - e che, grazie all'altissima qualità dei prodotti, rappresentano un motore di sviluppo per il nostro mercato all'estero». Alla realizzazione dell'opera collaborano anche Tecnimont, Cimolai e Permasteelisa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA