Progettazione e Architettura

Progettazione e smart cities: al via il master Siemens-ateneo di Perugia, in palio 20mila euro

Mila Fiordalisi

Un corso per ingegneri e architetti associato a un bando che punta a creare una start up sul tema delle «città intelligenti» - Domande entro il 1° marzo

Formare una figura specializzata nella progettazione delle smart city. In linea con le attività strategiche promosse dall'Unione Europea e finalizzate a migliorare la vita degli abitanti dei centri urbani. Questo l'obiettivo alla base del master-concorso di II livello «Progettare Smart Cities» organizzato dall'università di Perugia in collaborazione con Siemens. Coordinato dal professor Paolo Verducci, docente di progettazione architettonica, il master – al via il prossimo mese di marzo ad Assisi - è un unicum nel suo genere: la formula del concorso associato all'attività formativa consentirà, infatti, ai partecipanti di lavorare su temi reali e con obiettivi e strategie condivise con le amministrazioni comunali, provinciali e regionali e con le aziende partner. Le proposte, elaborate dai partecipanti sulla base di uno specifico regolamento allegato al bando del master, saranno esaminate da una Commissione esterna al gruppo docente. E la migliore idea progettuale si aggiudicherà il premio finale di 20mila euro quale contributo per lo sviluppo esecutivo e la creazione di una startup sulle tematiche legate alle smart cities. Contributo non si limiterà al supporto economico: al gruppo vincitore verrà, infatti, affiancato un team di professionisti Siemens per la stesura del business case e per la ricerca di ulteriori finanziamenti per realizzare il progetto (Siemens + venture capitalist).

Progettazione urbana e architettonica, delle infrastrutture per la mobilità, dell'ingegneria per la produzione di energie rinnovabili, della sostenibilità energetica degli edifici (building automation) e di strutture urbane complesse, delle reti tecnologiche e dell'Ict, dell'ingegneria strutturale e sismica, dell'ingegneria per la prevenzione dei rischi ambientali e della valutazione tecnico economica dei progetti le "materie" del corso. E sono previsti stage presso studi di progettazione e di ingegneria e presso strutture ed enti pubblici impegnati nello sviluppo di progetti europei di smart cities.
«Ciò che differenzia questo approccio rispetto al passato è inserire in una unica cornice tanti aspetti che fino ad oggi erano stati affrontati separatamente, analizzando il territorio come un ecosistema ed un insieme di reti interconnesse in una logica di sviluppo sostenibile e massima valorizzazione delle risorse esistenti», sottolinea Verducci. «La progettazione architettonica e urbana dovrà fare molta più attenzione rispetto al passato, integrando gli aspetti tipicamente disciplinari con quelli finalizzati alla riduzione dell'impatto ambientale, alla progettazione-gestione dei rischi sismici, all'integrazione con le principali innovazioni tecnologiche nel campo della mobilità alternativa, dell'energia, del building simulation, dell'Ict e della valutazione e fattibilità economica dei progetti». All'interno del master sono previsti due workshop operativi: il primo, dal titolo Assisi 2020 Smart City Lab, affronterà il tema della città storica, della valorizzazione degli spazi e degli edifici storici, del miglioramento dell'accessibilità, dell'offerta turistica. Il secondo, Terni 2020 Smart City Lab, affronterà il tema della città industriale, del recupero di ex aree industriali, della rigenerazione urbana, della mobilità e delle infrastrutture a basso impatto ambientale e delle tecniche Ict.

Il master
Quota di iscrizione: 4000 euro
Domande di ammissione entro il 1 marzo 2015
Il Master è a numero chiuso fino a completamento dei 30 posti disponibili.
Lezioni a partire dal 15 marzo 2015
Durata: 9 mesi
Sede: Palazzo Bernabei - via San Francesco n.19 Assisi
Crediti formativi
Il Master è riconosciuto con 60 crediti formativi universitari. A tutti gli architetti iscritti all'Ordine degli Architetti saranno inoltre riconosciuti 15 crediti formativi professionali (CFP), a tutti gli ingegneri iscritti all'Ordine degli Ingegneri saranno riconosciuti 30 crediti formativi professionali (CFP).
Partners
Siemens Italia Spa
Gruppo Rampini Spa
Gruppo Loccioni Spa
Angelantoni Industrie Spa
Archimede Solar Energy srl
Osram Spa
Arup Italia srl
3TI Progetti Spa
Per informazioni paolo.verducci@unipg.it
http://www.unipg.it/didattica/master-e-corsi-di-perfezionamento/offerta-formativa


© RIPRODUZIONE RISERVATA