Progettazione e Architettura

A Copparo (Ferrara) pronto il nuovo polo cimiteriale realizzato in house

Francesca Oddo

Cemento, vetro e lastre ceramiche per il nuovo centro servizi firmato Mauro Crepaldi: un'opera pubblica di qualità nata da un iter virtuoso

Il nuovo Centro Servizi Cimiteriali di Copparo (Ferrara), appena inaugurato, è un'opera pubblica di qualità nata all'interno del Comune di Copparo e realizzata da Mauro Crepaldi di Patrimonio Copparo, società in house a responsabilità limitata il cui unico socio è l'amministrazione comunale. La società si occupa della gestione del patrimonio comunale, del management dei servizi pubblici locali, della manutenzione, progettazione e costruzione di opere pubbliche.
La storia di questo intervento risale al 2010, quando la Giunta Provinciale approva la localizzazione di un impianto di cremazione nel Comune di Copparo. Patrimonio Copparo, per conto dell'amministrazione comunale, predispone lo studio di fattibilità, sviluppa al suo interno la progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva. Il cantiere ha inizio nell'autunno del 2013 e, nonostante l'impresa aggiudicataria (Pigaiani Sarti di Poggio Renatico) sia costretta a dichiarare fallimento durante i lavori, nel giro di un anno l'intervento è portato a termine con Il Progresso Società Cooperativa di Argenta. Il costo complessivo dell'opera è di 1 milione e 900 mila euro, coperto con un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti di Patrimonio Copparo.

Clicca qui per la fotogallery

L'edificio di Mauro Crepaldi è un risultato da tenere presente nell'annoso dibattito sulla qualità delle opere pubbliche in Italia, in quanto rappresenta un caso virtuoso sia per l'eleganza del risultato sia per la velocità con quale il cantiere si è svolto. Colpisce per l'interferenza fra le sue linee minimaliste e quelle più articolate del cimitero, risalente ai primi del ‘900. Il contrasto fra i linguaggi si trasforma in un'occasione di confronto, di dialogo fra la novità e la memoria. L'interazione riesce grazie alla scelta di un registro compositivo asciutto, lineare, privo di autoreferenzialità, calibrato e attento al contesto nel quale il manufatto si inserisce. Il nuovo Centro di Servizi Cimiteriali, infatti, si colloca all'interno di un'area di proprietà del Comune destinata ad accogliere un grande parco urbano che si estende dai margini del centro storico fino all'area cimiteriale. Il parco è qui inteso alla maniera nord europea, e cioè come un luogo vivo nonostante ospiti un centro per la cremazione e introduca all'area cimiteriale, una distesa verde pensata per la comunità nella quale leggere, sostare, meditare. L'edificio, quindi, è motore di un più ampio programma urbano che coinvolge il cuore della città e uno dei suoi parchi più significativi. Questo spiega anche la scelta di una forma e di una veste dai caratteri urbani e non necessariamente legati alla sua funzione cimiteriale. «L'obiettivo è stato di realizzare un volume puro e neutro, che non avesse le sembianze di una chiesa o di altri luoghi di culto», spiega l'architetto.
Sono tre i materiali protagonisti del progetto: cemento armato, vetro e lastre ceramiche. Il fabbricato sorge su una duna e presenta uno sviluppo orizzontale al quale si contrappone l'andamento verticale delle lastre ceramiche. Queste ultime propongono un'alternanza di tonalità sobrie che vanno dal beige al grigio. Al primo livello l'edificio prevede un doppio volume che accoglie la Sala del Commiato e i luoghi deputati alla cremazione; il secondo livello, invece, è destinato alle attività di servizio all'utenza e di controllo dell'impianto. Il Centro ruota intorno al «Giardino del Ricordo», un polmone verde nel quale il visitatore può raccogliersi in meditazione.

I crediti del progetto
Committente: Patrimonio Copparo s.r.l. - Comune di Copparo
Progetto Architettonico e Direzione Lavori: Mauro Crepaldi (Patrimonio Copparo s.r.l.)
Collaboratori: Simone Pelliconi, Lorenzo Melandri
Strutture: Mezzadringegneria s.r.l. (Ferrara)
Impresa di costruzione: Pigaiani Sarti s.r.l. (Poggio Renatico, Ferrara)
Impresa subentrata: Soc. Coop. Il Progresso (Argenta, Ferrara)
Superficie: 1.000 mq
Cronologia: progettazione / 2010-2012, inizio lavori / 2013, fine lavori / 2014
Costo complessivo: € 1.900.000
Fotografie: Mauro Crepaldi


© RIPRODUZIONE RISERVATA